Michel Cornelisse piange la morte di Lieuwe Westra: “Era troppo buono per tutti”

Michel Cornelisse ha reagito con incredulità alla morte improvvisa del suo ex pilota Lieuwe Westra. Il leader della squadra Alpecin-Deceuninck e Fenix-Deceuninck, 57 anni, hanno appreso la notizia domenica mattina mentre si recavano al ciclocross NK. “Non sono stato bravo per un po’. È molto triste che finisca così”, ha detto Cornelisse a Zaltbommel. Flash in bicicletta.

Leggi di più:

Lieuwe Westra (40) è morto

“Mi sono comunque fermato alla stazione di servizio. 40 anni… ho vissuto tante cose belle con Lieuwe”, ricorda Cornelisse de Fries. “Abbiamo iniziato insieme alla Vacansoleil nel 2009. A Hel van het Mergelland, ha guidato per Krolstone (Westra è arrivato quinto nel 2008, ndr) e si vociferava che fosse stata fondata la Vacansoleil. Poi è venuto a chiedermi un contratto e io mi sono fatta forza per lui. Ha ottenuto un contratto e abbiamo vissuto cose molto belle insieme.

Durante i suoi cinque anni con Vacansoleil-DCM, Westra ha vinto due volte la cronometro NK. Questi rimangono punti salienti per Cornelisse. “E per due volte mi è stato permesso di andare alla cronometro dei Mondiali di Leo van Vliet (cs nazionale, ndr), perché ho sempre fatto le sue cronometro. A Copenaghen siamo poi arrivati ​​ottavi. Sono momenti indimenticabili. Quindi questa notizia ti colpirà molto duramente “, dice l’Amsterdammer.

“La sua bontà divenne anche la sua rovina”
Ma ancor prima della Vacansoleil, Cornelisse e Westra si erano già incontrati. “Ero direttore sportivo al P3 Transfer-Batavus e Lieuwe era un grande concorrente. Non lo chiamavano “La Bestia” per niente. Certo, poteva guidare molto velocemente. Ma oltre a ciò, era in realtà un ragazzo molto dolce, che in realtà era fin troppo bravo. Ma spesso dicono quello del defunto. Penso che sia stata anche la sua rovina, che era troppo buono per tutti.

Cornelisse e Westra nel Delfinato 2012 – foto: Cor Vos

Secondo Cornelisse, questa caduta è già iniziata quando Westra ha corso per l’Astana. Nel 2014, ha svolto un ruolo di primo piano nella vittoria assoluta di Vincenzo Nibali. “Sono stato poi invitato al Tour e l’ho incontrato nel villaggio del Tour. Con Astana ho avuto l’idea che non si sentisse davvero a suo agio nella propria pelle. Nessuno parlava inglese e ovviamente non parlava kazako. Non si sentiva molto bene lì. contento. E poi è stato a Monaco e penso che lì le cose siano andate male per lui. Che è diventato molto infelice lì.

READ  Ridicolo rapporto del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sulla polizia di Minneapolis

Per anni hanno lavorato insieme alla Vacansoleil-DCM, ma dopo che Westra se n’è andata non si sono parlati molto. “Negli ultimi anni è stato un po’ meno. Ero impegnato con il mio lavoro e lui era in Spagna. Poi si annacqua un po’. Pensi di incontrarti ancora di tanto in tanto, ma poi sei deluso dal fatto che non hai avuto alcun contatto negli ultimi due anni”, dice Cornelisse.

“Se avesse calciato, avrebbe potuto vincere la Parigi-Nizza”
Parigi-Nizza 2012, anche uno dei momenti salienti della carriera di Lieuwe Westra. Ha quasi battuto l’ultimo vincitore del Tour de France, Bradley Wiggins. Lo stesso Cornelisse non c’era. “Durante questa Parigi-Nizza, sono stato io stesso alla Tirreno-Adriatico. Ero arrabbiato con lui la sera, perché se fosse arrivato in volata con la sua vittoria di tappa, avrebbe potuto vincere la Parigi-Nizza.

Westra e Cornelisse insieme alla Vuelta a España 2013 – foto: Cor Vos

“Ma Lieuwe era così sorpreso di aver vinto quella tappa lì su un finale molto difficile… Poteva fare molto e se avesse spinto avrebbe potuto essere due secondi più veloce. Era già fantastico. E che è arrivato secondo dietro l’imbattibile Wiggins, mostra che bravo ciclista fosse. È triste che sia morto all’età di 40 anni.

Tuttavia, Cornelisse vuole continuare a godersi i bei momenti con Bestia. “Ho passato cose così belle con lui. Tutta quella preparazione per le prove a cronometro… Ovviamente stava guidando la moto e potevo solo urlare, ma spesso ero più sudato di lui. Lo ha preso a calci mentre guidavo lui pazzo. Quei campionati olandesi e la Coppa del Mondo a Copenaghen rimangono ricordi molto belli come momenti salienti. È così che voglio ricordare Lieuwe.

READ  Giocatori di pallavolo ai Mondiali dopo un inizio difficile fin troppo forte per l'Argentina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *