Microsoft tace sulla correzione del bug di Follina una settimana dopo la sua scoperta – IT – News

Mi dispiace, ma questo è il punto centrale di un contratto di assistenza. Che lasci la codifica di un OS a chi lo supporta.

Si tratta in definitiva di un’analisi costi/benefici. Con un normale contratto di supporto da MS non ottieni patch personalizzate, ma sei solo uno dei tanti e devi accontentarti di ciò che MS fornisce, indipendentemente dal fatto che sia giusto per il tuo ambiente o meno. Nella maggior parte dei casi funziona bene, ma questa è uniformità. A volte quella salsiccia dell’unità non è appropriata o è troppo tardi. Come azienda, vuoi avere delle scelte.

In caso contrario, si finisce per eseguire una correzione interna per quel problema e qualcun altro esegue un’altra correzione interna per un problema diverso e così via. Quindi dovrebbero supportare 1 miliardo di versioni diverse di Windows.

Ovviamente, non ottieni supporto per le tue modifiche, beh, a meno che non lo paghi, ma è anche irrealistico che le tue patch vengano scritte a frotte o lasciate in uso per molto tempo. Non è così che funziona in pratica.

Tanto per essere chiari, non sto parlando di uno scenario teorico. Questa è una pratica quotidiana per Linux. Mi trovo in un ambiente in cui le persone scrivono o adattano patch e soluzioni alternative se il fornitore impiega troppo tempo e io non lavoro nemmeno per un’azienda IT. Ciò non si traduce in 1 miliardo di versioni diverse. In genere, la community sviluppa una soluzione rapida e sporca in attesa di una soluzione accurata. Chiunque lo desideri può utilizzare la patch temporanea. Se questo sia saggio è in definitiva la valutazione professionale del manager.

READ  Nessuna missione europea su Marte quest'anno a causa dell'invasione russa dell'Ucraina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *