Home / News / MusicaParte – Il nuovo album di Franco Olivero

MusicaParte – Il nuovo album di Franco Olivero

È uscito, per UltraSound Records – Believe/IRD, MusicaParte, sesto lavoro del compositore cuneese Franco Olivero.

“MusicaParte è un progetto di “composizione pura” che prescinde da stimoli, commissioni, commistioni di altra natura. Il precedente Zona Franca nasceva invece da una riorganizzazione strutturata e ragionata in funzione di ascolto puramente musicale di frammenti, appunti, idee che avevano fornito l’impronta sonora di contesti artistici (teatro, documentari, danza, arti visive) extramusicali. Il titolo dice molto: la p maiuscola, posta quasi al centro, fa da spartiacque e al contempo da trait d’union tra i due sostantivi affini e coerenti quali musica e arte. Poi si possono trovare altri significati: Parte come codificazione, organizzazione, scrittura, ma anche Partenza: per situazioni, luoghi della mente, immagini o suggestioni che possono fluire durante l’ascolto. Se però detto, oltre che letto, può dare l’idea di una musica a parte, cioè che va al di là di generi definiti; che sta in un territorio appartato”. Quando Franco Olivero riflette sulla sua musica, sulla provenienza della composizione e sui risvolti nati da un titolo quale MusicaParte, il risultato è sempre stimolante. MusicaParte è il nuovissimo album del compositore e musicista piemontese: lo pubblica UltraSound Records come accaduto con il precedente Zona Franca, il lavoro del 2016 che aveva rilanciato l’affascinante eclettismo dell’autore.

MusicaParte è un lavoro di composizione “pura”, come sottolinea Franco Olivero, nel quale le idee non provengono dagli ambiti extramusicali a lui consueti ma dalla forza di una composizione rimessa al centro e rielaborata con il suo consueto spirito da “esploratore musicale”. La varietà e la ricchezza sprigionate dalle 12 tracce derivano dalla curiosità dell’autore, che soprattutto in questo disco sottolinea la posizione raggiunta in un cammino di ricerca multistilistica: “Queste inflessioni stilistiche (jazz, world, musica colta) sono frutto di un percorso: di ascolto, di ricerca, di adesione e certamente di studio. Questo è l’aspetto che forma o che, in modo più autoreferenziato, mi ha formato: poi però, dopo questa tappa, si tratta di rendere compatto quello che secondo me deve essere l’obbiettivo di ogni artista, non solo musicista: la ricerca di una propria identità e peculiarità espressiva. Immagazzinato un bagaglio dovrebbe succedersi una nuova tappa verso una meta più ambiziosa. Inizia dunque una nuova fase del percorso che definirei di crescita: un viaggio dentro se stessi, all’interno delle proprie istanze interiori, una redistribuzione coerente e, appunto, compatta di questo bagaglio. Ci vuole coraggio e spregiudicatezza ad abbattere senza pudore quelle barriere che spesso lo stesso mercato impone. Indebolirsi significa questo: aderire a dei modelli senza chiedere nulla a se stessi, ricalcare schemi, imitare”.

Jazz elegante e sofisticato, talvolta ai confini della fusion, world music come opportunità espressiva a volte anche immaginaria, slegata dal vincolo delle radici, musica colta come bagaglio di studio e di consapevolezza della tradizione. MusicaParte si nutre principalmente di queste tre grandi aree, ma non rifiuta ulteriori suggestioni, ad esempio nella riscrittura di Greensleves e L’amour est mort: “Greensleves è a mio avviso una di quelle melodie magiche che travalicano lo spazio (il luogo in nel quale è nata, cioè l’Inghilterra di Enrico VIII) e il tempo, dunque gli stili. Coltrane stesso l’aveva “trattata” nel suo periodo modale quasi come se fosse un raga indiano. Uno di quei temi che mi “scappano” da sotto le dita quasi tutte le volte che prendo uno strumento in mano. L’amour est mort di Jacques Brel – uno dei pochi cantautori, chansonnier per essere più corretti, che ascolto – non vuole essere altro che un modesto e forse irriverente omaggio alla componente musicale che contraddistingue la grandezza della sua poetica”.

MusicaParte è anche un lavoro di gruppo, nel quale i musicisti coinvolti non sono semplici esecutori ma sparring partner autorevoli e sensibili, da Francesco Bertone, Alberto Bellavia, Paolo Franciscone, Gianluca e Marco Allocco fino a Elia Olivero, giovane bassista nonchè figlio dello stesso Franco. Musicisti che hanno condiviso con l’autore un interplay sano, lontano dall’esibizionismo tecnico fine a se stesso e dalla autoreferenzialità (comunicato stampa).

Franco Olivero: flauto, sax soprano, sax tenore, duduk, bansuri, sintetizzatori, voce

Francesco Bertone: contrabbasso

Alberto Bellavia: pianoù

Paolo Franciscone: batteria, percussioni

Gianluca Allocco: violino, viola

Marco Allocco: violoncello

Elia Olivero: basso elettrico

 

Per maggiori info: Franco Oliviero  | Ultrasound Records

About Donato Ruggiero

Donato Ruggiero
Membro fondatore e redattore di HamelinProg.com, è archeologo e autore del romanzo noir "Tutto tranne il cane" (0111 Edizioni, 2017) e di diversi racconti pubblicati in varie antologie, nonché chitarrista della band alternative rock Malamente con all'attivo l'album "Stato vegetativo permanente". Appassionato di progressive rock, rock progressivo italiano anni '70, in particolare dei gruppi "minori", e contemporaneo, krautrock, space rock, scuola di Canterbury, avant-prog, rock sinfonico, jazz rock, musica sperimentale e molto altro.

Check Also

From A Page – Un nuovo box degli Yes

Il 25 ottobre, la Burning Shed ha pubblicato “From A Page” un cofanetto con il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *