Natalia (37) è rimasta intrappolata per settimane nei tunnel sotto l’acciaieria Mariupol: “Terrificata” |  All’estero

Natalia (37) è rimasta intrappolata per settimane nei tunnel sotto l’acciaieria Mariupol: “Terrificata” | All’estero

Secondo il presidente ucraino Zelensky, un primo gruppo di cento persone è stato evacuato dall’enorme complesso industriale di Azovstal. Saranno portati nella città di Zaporizhzhya sotto il controllo ucraino.

L’operazione di salvataggio è coordinata dalle Nazioni Unite e dal Comitato Internazionale della Croce Rossa, come concordato dalle autorità russe e ucraine.

‘isterico’

“Quando il bunker ha ricominciato a tremare, sono diventata isterica”, ha detto Usmanova all’agenzia di stampa Reuters nel villaggio filo-russo di Bezimenne, da dove si recherà a Zaporizhzhya. “Eravamo terrorizzati che il posto sarebbe crollato”. Natalia ha lavorato in fabbrica per gran parte della sua vita.

Era angusto nei tunnel, Usmanova descrive la situazione che è stata descritta come disumana da diverse organizzazioni internazionali. La struttura risale all’epoca sovietica.

Natalia viaggerà dalla regione filo-russa di Donetsk al territorio ucraino.

Natalia viaggerà dalla regione filo-russa di Donetsk al territorio ucraino.

Mentre lei e suo marito lasciavano la città devastata di Mariupol su un autobus, ha scherzato dicendo che non aveva più bisogno di andare in bagno con una torcia. “È inimmaginabile il tipo di terrore che abbiamo dovuto sopportare. Per tutta la vita ho amato vivere e lavorare in fabbrica, ma è stato orribile.

Oltre ai civili, ci sono anche combattenti ucraini nel complesso, secondo la Russia.

Il consiglio comunale di Mariupol ha affermato che coloro che sono bloccati altrove nella città portuale dovrebbero essere pazienti. La loro partenza attraverso un corridoio umanitario è stata posticipata a lunedì mattina, alle 08:00 ora locale.

READ  "Il virus? In pizzeria" E con una bugia manda in serrata 1,7 milioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *