Nato-Russia, monta la tensione sull’Ucraina: “Mosca ferma le truppe”. La risposta: “Stiamo rispondendo alle minacce dell’Alleanza”

Sei jet della Royal Air Force si stanno dirigendo verso l’Europa orientale in risposta all’invio di truppe russe al confine ucraino. Sebbene il ministero della Difesa insista che questi dispiegamenti siano di routine, arrivano in un momento in cui crescono i timori di un conflitto tra Russia e Ucraina.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha detto ieri sera che aspettava un incontro con Putin da tre settimane. Il portavoce del primo ministro ucraino ha dichiarato: “Ci auguriamo vivamente che questo non sia un rifiuto del dialogo”.

Secondo il governo ucraino, la Russia ha inviato 41.000 soldati al confine orientale dell’Ucraina e 42.000 in Crimea e c’è il rischio che ne arrivino altri. In risposta, il Cremlino ha detto che era un esercizio, non una minaccia.

Denise Pipitone, conduttrice video russa dopo episodio: “Olesya ha deciso tutto”

Più di 14.000 persone sono morte negli scontri al confine dal 2014 e gli esperti di sicurezza temono che la Russia stia occupando altre parti dell’Ucraina orientale per difendere i madrelingua russi. E quest’ultima ipotesi preoccupa la Nato, a capo dell’operazione Biloxi che vede il dispiegamento di aerei Typhoon nell’Est Europa. Si prevede inoltre che fino a 100 truppe di fanteria britanniche saranno inviate in Ucraina per partecipare a esercitazioni congiunte con i suoi soldati quest’estate.

Il ministero della Difesa britannico ha dichiarato: “L’operazione Biloxi è un dispiegamento pianificato da tempo di tifoni della RAF in Romania a sostegno della missione di polizia aerea meridionale della NATO per monitorare lo spazio aereo del nostro alleato”.

Simest sostiene l’export di 18 PMI nel primo trimestre

READ  "Disastro di Biden. Casa Bianca tra 4 anni? Chissà ..."

A tal proposito è intervenuto anche il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, ribadendo la vicinanza dell’alleanza con l’Ucraina: “La NATO è con l’Ucraina. Non riconosciamo e non riconosceremo l’annessione illegale e illegittima della Crimea
dalla Russia. Continuiamo a chiedere alla Russia di porre fine al suo sostegno ai militanti nell’Ucraina orientale e di ritirare le sue forze dal territorio ucraino. “Ha detto. Il Segretario generale della NATO ha anche espresso la sua opinione su possibili riforme:” Sosteniamo l’ampio programma di riforme dell’Ucraina, che lo renderà più resiliente e contribuirà a far avanzare le aspirazioni euro-atlantiche del Paese “.

La risposta russa non si è fatta attendere, ha detto il vice ministro degli Esteri Sergei Ryabkov che “gli Stati Uniti e altri paesi della NATO stanno deliberatamente trasformando l’Ucraina in una polveriera”, aggiungendo “Se la situazione peggiorerà, faremo di tutto per garantire la nostra sicurezza e quella dei nostri cittadini, ovunque si trovino. Kiev ei suoi alleati occidentali saranno pienamente responsabili delle conseguenze di qualsiasi escalation “.

Già questa settimana si sospettava che il blocco dei voli tra Turchia e Russia, a causa dell’aumento dei casi covid, fosse legato all’incontro tra Erdogan e Zelensky. Ma il
Il presidente della commissione per gli affari esteri del Consiglio della Federazione, Konstantin Kosachev, ha negato questa possibilità.

Ultimo aggiornamento: 15:43


© RIPRODUZIONE RISERVATA

READ  Natale e Capodanno dagli altri: dalla Germania alla Spagna, le regole nei paesi europei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *