Nave cereali incagliata nel Canale di Suez rimessa a galla, piccolo ritardo per 21 navi |  All’estero

Nave cereali incagliata nel Canale di Suez rimessa a galla, piccolo ritardo per 21 navi | All’estero

AggiornareLa nave mercantile greca che si è incagliata lunedì mattina presto nella parte settentrionale del Canale di Suez in Egitto è tornata a navigare. Tre rimorchiatori sono riusciti a rimetterlo a galla dopo poche ore, riferisce il fornitore di servizi marittimi Leth Agencies.

Si prevede che 21 navi che viaggiano verso sud attraverso il canale continueranno il loro viaggio con lievi ritardi, ha affermato il fornitore di servizi del canale.

La portarinfuse Glory, lunga 225 metri e larga 35 metri, di proprietà della compagnia di navigazione greca Target Marine ma battente bandiera delle Isole Marshall, si è arenata vicino alla città di El Qantara quando si è unita a un convoglio diretto da sud. I funzionari egiziani devono ancora fornire dettagli sulla causa dell’incagliamento della nave. In alcune parti dell’Egitto, comprese le province settentrionali, domenica il tempo è stato brutto.

Secondo il Joint UN Grain Export Coordination Center dell’Ucraina, la nave portarinfuse che trasporta più di 65.000 tonnellate di mais dal paese attaccato dalla Russia è in viaggio verso la Cina. I dati di tracciamento satellitare analizzati dall’agenzia di stampa AP hanno mostrato che la nave portarinfuse si trovava in una sezione a corsia unica del Canale di Suez appena a sud di Port Said sul Mar Mediterraneo.

Crisi economica

Il direttore generale Osama Rabie della Suez Canal Authority (SCA) non prevede alcuna interruzione del traffico marittimo. “Sta andando normalmente. Abbiamo affrontato con professionalità il malfunzionamento che si è verificato a bordo della Glory”, ha detto in una nota. Lunedì 51 navi salperanno in entrambe le direzioni.

READ  I teatri occupati in Francia contro la chiusura, ce ne sono una decina - Ultima Ora

Il dato è estremamente delicato per l’Egitto, che è nel mezzo di una crisi economica – la sterlina egiziana ha perso il 75% del suo valore nel 2022 – e sta cercando di comprare dollari. Il Canale di Suez è una delle maggiori fonti di valuta estera con oltre 7 miliardi di dollari di entrate all’anno.

mai dato

Non è stata la prima nave ad incagliarsi nel corso d’acqua cruciale. Ad agosto, anche la petroliera Affinity V battente bandiera di Singapore si è incagliata in un tratto a una corsia del canale, bloccando il traffico marittimo per cinque ore.

Nel marzo 2021, la nave portacontainer giapponese Ever Given ha bloccato per sei giorni il Canale di Suez. Il blocco ha interrotto la navigazione globale per qualche tempo. È stata chiamata la società olandese specializzata Smit Salvage, parte del fornitore di servizi di dragaggio e marittimi Boskalis tirare dolcemente. Ha funzionato dopo diversi tentativi. Ho dovuto attraversare il blocco 200 altri mercantili aspetta o scegli un altro percorso.

La Ever Given si incagliò nella parte meridionale del Canale di Suez il 23 marzo dello stesso anno. È successo subito dopo che il mercantile lungo 400 metri e largo 59 è entrato nella principale arteria del Mar Rosso e si è diretto verso il Mediterraneo. Secondo la compagnia taiwanese di spedizioni di container Evergreen, che gestisce il cargo, il colosso è deragliato a causa di un’interruzione di corrente e/o della scarsa visibilità dovuta a una tempesta di sabbia con raffiche di vento intorno ai 40 nodi. Ciò equivale a un vento di forza 9.

READ  Man overlijdt na vergiftiging in restaurant, zeven gewonden | Buitenland

rotta commerciale

Il Canale di Suez, lungo 193 chilometri, è una delle rotte marittime più trafficate del mondo, rappresentando circa il 12% del commercio mondiale. Ogni giorno attraverso il canale vengono trasportati anche circa un milione di barili di petrolio e una grande quantità di gas naturale liquefatto (GNL). Quando il Canale di Suez è chiuso, le navi tra l’Asia e l’Europa devono circumnavigare il globo attraverso il Capo di Buona Speranza, il che potrebbe richiedere ulteriori settimane di navigazione. Anche le petroliere mediorientali fanno ampio uso del Canale di Suez.

Il Canale di Suez è ancora aperto nel 2015 approfondito e ampliato dalle compagnie di dragaggio olandesi Van Oord e Boskalis, poiché le navi oceaniche stanno diventando sempre più grandi. Nell’aprile di quest’anno erano ancora due mercantili bloccati mercato nel canale. Si tratta della nave portacontainer danese Susan Maersk e della portarinfuse liberiana Margret Oldendorff. Il traffico marittimo è stato ritardato per ore.


La nave portacontainer Ever Given, di proprietà della compagnia di navigazione giapponese Shoei Kisen KK, ha bloccato il Canale di Suez per sei giorni nel marzo 2021, come si vede in questa immagine satellitare di Maxar Technologies.

La nave portacontainer Ever Given, di proprietà della compagnia di navigazione giapponese Shoei Kisen KK, ha bloccato il Canale di Suez per sei giorni nel marzo 2021, come si vede in questa immagine satellitare di Maxar Technologies. ©AFP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *