Nei principali colloqui tra Cina e UE, si tratta principalmente della Russia

Cambiamento climatico, biodiversità, commercio: tante sono le cose all’ordine del giorno del posticipato vertice Ue-Cina di oggi. Ma l’invasione russa dell’Ucraina dominerà i colloqui tra i leader dell’Unione Europea e della Cina.

Bruxelles vuole usare il vertice virtuale per convincere Pechino ad assumersi la responsabilità del conflitto, ma non ha grandi aspettative. Pechino vede il vertice principalmente come un’opportunità per mantenere in carreggiata una relazione difficile, ancora messa a dura prova dalla guerra in Ucraina.

“Il vertice arriva in un momento molto importante”, ha detto Wang Huiyao. Dirige il Center for China and Globalization, un think tank a Pechino. “Un’opportunità per migliorare le relazioni e creare consenso su come affrontare la crisi in Ucraina”, afferma dal suo ufficio nel distretto finanziario metropolitano.

Mentre l’UE ha rapidamente imposto dure sanzioni al Cremlino e gli Stati membri hanno sostenuto l’Ucraina con spedizioni di armi, la Cina si rifiuta ancora di nominare l’invasione russa, per non parlare di condannarla. A Bruxelles, questo viene interpretato come un implicito sostegno alla guerra di Putin.

Fai di più per fermare la guerra

Alti funzionari di Bruxelles sottolineano che la Cina deve fare di più per porre fine alla guerra in Ucraina. I caldi legami tra Pechino e Mosca destano sospetti a Bruxelles. “La stessa Cina è stata colpita dall’Occidente. Dall’America, dall’UE e dalla NATO. Le preoccupazioni della Russia sono condivise in quest’area”, ha affermato Wang. Come i leader cinesi, indica l’espansione dell’alleanza NATO come un fattore provocatorio nel conflitto. La Cina vede una persona che la pensa allo stesso modo in Russia nella lotta contro l’Occidente, e gli Stati Uniti in particolare.

READ  I pezzi forti della scuderia radicale di Trump sono andati male nelle gare, e adesso?

“Bruxelles e le capitali europee speravano che la Cina avrebbe ridotto il suo sostegno alla Russia dopo l’invasione dell’Ucraina”, ha affermato Janka Oertel dell’istituto di ricerca del Consiglio europeo per le relazioni estere. “Ma le speranze che la Cina possa aiutare a porre fine alla guerra sono svanite. Questo complica solo le relazioni tra l’UE e la Cina”.

La frustrazione a Bruxelles riguarda principalmente il rifiuto della Cina di sostenere le sanzioni economiche contro la Russia. Mina la forza delle sanzioni dell’UE contro Mosca, questa è l’idea a Bruxelles. “La Cina non vuole spingere l’economia globale, che è già sotto pressione dalla pandemia, in recessione”, ha affermato Wang.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.