Nigeria, venerdì 279 delle 317 ragazze rapite dai commando armati sono state rilasciate. Presidente: “Riscatto pagato, decisione pericolosa”

Io sono di nuovo libero dopo tre giorni nelle mani dei loro carcerieri 279 ragazze giovani questo venerdì era stato rapito in una scuola Jangebe, nel governatorato di Zamfara, a nord-ovest di Nigeria, da un commando armato che aveva attaccato alcuni posti di blocco e fatto irruzione nei dormitori del college. Io sono 38 giovani donne con le quali non si hanno ancora notizie, dato che 317 studenti erano dispersi nel blitz venerdì scorso.

Il governatore dello stato ha annunciato il rilascio delle giovani donne, Bello Matawalle, chi alDpa ha detto: “Sono felice di annunciare che le ragazze sono state rilasciate. Sono appena arrivati ​​al palazzo del governo th sono sanoTuttavia, i dati forniti dalle autorità non sono ancora chiari, dato che inizialmente sarebbero stati rapiti 317 studenti e, secondo il governatore Matawalle, 38 ragazze potrebbero ancora essere rilasciate.

Il presidente nigeriano, Muhammadu Buhari, ha sempre salutato con “grande gioia” su Twitter il rilascio delle ragazze, lasciando intendere che lo era pagato un riscatto, circostanza piuttosto smentita da Matawalle: “I governatori – scrive – devono fermare la politica di premiare i banditi con denaro e veicoli. Queste politiche possono essere controproducente con conseguenze disastrose. Gli Stati e le comunità locali devono fare la loro parte per migliorare la sicurezza scolastica ”.

La notizia del loro rapimento si è diffusa venerdì grazie alla denuncia di uno dei docenti che ha parlato di un gruppo di miliziani che aveva fatto irruzione nei locali del collegio imbracciando le armi. A quel tempo le autorità, dopo i primi controlli, avevano parlato di 317 ragazze scomparse. Quindi niente più notizie fino a ieri, quando I media nigeriani hanno annunciato il rilascio di giovani donne. Informazioni tuttavia rifiutate da Yusuf Idris |, l’ufficiale addetto alle relazioni con i media del governatore dello stato, spiegando che le ragazze erano ancora con i loro rapitori e che le autorità stavano facendo di tutto per garantire il loro ritorno a casa. Ritorno ufficializzato questa mattina.

READ  Le incomprensioni vanno al segnale durante il bungee jumping, una ragazza salta dal ponte senza corde e muore

Non ci sono novità, invece, per quanto riguarda i ca. 300 studenti di una scuola per ragazzi rapita a dicembre nel nord-ovest di Katsina. La scorsa settimana, due gruppi sono stati rapiti a febbraio nello stato centro-occidentale di Niger: sono una ventina le persone che viaggiano per partecipare a un matrimonio e 44 tra adulti e bambini rapiti in una scuola di Kagara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *