“Non puoi fare niente con questo caldo”

“Non puoi fare niente con questo caldo”

Le persone in coda per il Colosseo nella soffocante città di Roma cercano di rinfrescarsi con un ventilatore.  ImmagineReuter

Le persone in coda per il Colosseo nella soffocante città di Roma cercano di rinfrescarsi con un ventilatore.ImmagineReuter

Ciao Rosa, il termometro oggi da te a Roma segna 39 gradi. Come stai oggi?

“Scrivo a casa, davanti a un fan. Sono stato ad Atene la scorsa settimana, quindi mi sono abituato al caldo. E comunque siamo abituati alle cose qui quando si tratta di caldo.

Come si presenta la scena street romana a queste temperature?

Non molto diverso dal solito, a dire il vero. Gli italiani – a differenza degli olandesi – sono abituati fin dalla tenera età ad adattare la propria vita al caldo estivo. Vale a dire: non uscire di casa nel pomeriggio nella calura del giorno; bere acqua extra alle numerose fontane della città; cerca di vivere un po’ intorno a lui. Naturalmente questo caldo è intenso. Ma che ci siano 36 o 39 gradi poco importa agli italiani.

“Ho parlato con un mio amico olandese che vive anche qui. Era andata a trovare i suoi anziani vicini per chiedere se doveva fare delle commissioni per loro. Queste persone avrebbero dovuto ridere un po’. Mostra solo che non è così importante qui. Un’altra differenza con gli olandesi è che noi percepiamo le temperature alte come bel tempo, mentre per gli italiani è più come cattivo tempo. Loro lo sanno: non puoi fare niente con questo caldo.

Come sta andando nel resto d’Italia in questo momento?

“In Sicilia fa come al solito il più caldo. Qui è dove atterra per la prima volta l’aria calda dall’Africa. Nel 2021 vi è stato stabilito un record di calore di 48,8 gradi. Questo record potrebbe essere battuto nei prossimi giorni, poiché il più grande picco di calore deve ancora arrivare.

L’anno scorso, secondo la rivista di settore, è morto in Italia medicina naturale diciottomila persone a causa del caldo, cosa sta facendo ora il governo per proteggere la popolazione?

“In Italia conosciamo i pericoli del caldo. IL Protezione Civile, una sorta di Protezione civile, ha diramato l’allerta ed è pronta. L’organizzazione umanitaria della Croce Rossa sta offrendo aiuto nei paesi dell’Europa meridionale a causa delle temperature estreme. Tra l’altro, i dipendenti distribuiscono bottiglie d’acqua ai turisti.

“Il rischio di morte per il caldo è ovviamente più alto tra gli anziani nelle case di riposo o di cura, e la popolazione italiana è piuttosto anziana. Ciò potrebbe in parte spiegare gli alti tassi di mortalità dell’anno passato. Inoltre, molti edifici italiani sono vecchi e non climatizzati. Ci sono ancora profitti da realizzare lì, ma queste non sono cose che risolvi in ​​una settimana. Certamente non qui.

Sono in Italia come in Olanda preoccupati per il cambiamento climatico, viste le temperature estreme? O gli italiani alzano le spalle abbronzate?

“Onestamente, penso che molte persone qui stiano alzando le spalle. L’Italia ha un ramo del movimento per il clima Extinction Rebellion, che dice: “Ecco cosa ne ricaviamo”, ma sono piuttosto piccoli. Ad esempio, se organizzano un posto di blocco, ottengono per lo più reazioni indignate. L’opinione pubblica in Italia non è così orientata al clima come nei Paesi Bassi.

Sei appena tornato dalla Grecia. Atene ha chiuso l’Acropoli lo scorso fine settimana per proteggere i turisti mentre la colonnina di mercurio è salita a 44 gradi. Tali misure vengono prese anche a Roma?

“No, anche se è ipotizzabile che il Forum Romanum chiuda perché è anche pieno di sole. C’è una differenza con l’Acropoli: che ovviamente è una collina, e scalarla richiede comunque uno sforzo in più, il che è piuttosto rischioso con queste alte temperature. I greci lo sanno, così come gli italiani. Ma i turisti stranieri potrebbero essere meno in grado di valutare i rischi.

Un violento incendio boschivo sta attualmente infuriando sull’isola spagnola di La Palma. È così anche in Italia?

‘Non ora. Ma questo è ciò che le autorità temono di più, credo. C’è un divieto di fuoco ovunque e tutti i tipi di unità speciali sono pronte nel caso succeda qualcosa.

READ  L'artista che ha scaricato letame su Lukashenko muore in prigione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *