Divieto dello schermo per i bambini in vacanza?  Non deve essere così drastico

Divieto dello schermo per i bambini in vacanza? Non deve essere così drastico

Una vacanza senza schermo? Non avviarlo.” È in grassetto sul sito Istituto giovanile olandese. Se volete limitarvi un po’ discutetene prima di salire in macchina verso il sud della Francia, è scritto poco più in là.

Perché: “Nessuno vuole un’atmosfera tesa sulla strada”. Nemmeno in vacanza.

Biglietti sul posto, ora del crepuscolo sul posto

Pertanto, chiarisci le regole quando si tratta di tempo, pensa anche la pedagoga Krista Okma: “Puoi impostare un tempo massimo per lo schermo e dare ai bambini un po’ di controllo allo stesso tempo. Lasciando che si organizzino questo tempo da soli, per esempio. È meglio fare questo fin dall’età dei bambini.”

Suggerisce: “Dai loro quattro biglietti, ognuno dei quali rappresenta un tempo di visualizzazione specifico. Se vogliono giocare o guardare, ne consegnano uno. Se i biglietti si esauriscono, lo è anche il tempo di visualizzazione per quel giorno”.

Freek Zwanenberg, proprietario di Bureau Jeugd & Media, pensa che voler limitare il tempo davanti allo schermo in vacanza sia comprensibile e sensato: “Fare amicizia, correre per il campeggio, nuotare, fare nuove esperienze. Tutte quelle cose che sai fanno bene allo sviluppo , è qui che deve essere l’attenzione.”

Completamente senza schermo in vacanza nella speranza che dopo qualcosa cambi a casa, però, la definisce “un’utopia”. “A casa è facile ricadere nelle vecchie routine. Soprattutto per gli adolescenti, per i quali parte della loro vita sociale si svolge su piattaforme come TikTok e Snapchat, questa tentazione è molto grande”.

Per l’esperto non è necessario un divieto radicale degli schermi. Per lui, c’è molto tra niente e nient’altro tutto il giorno. “Ci vediamo domani mattina, andiamo a fare una passeggiata e tutti lasciano i telefoni a casa. Pioverà questo pomeriggio e andremo a vedere un film insieme.”

READ  tutto sul ritorno al Parma e Donnarumma al PSG

Tempo massimo sullo schermo?

Per coloro che sperano in una guida sulla quantità ideale di tempo sullo schermo in questo articolo: ahimè! Okma: “Si possono trovare online tutti i tipi di tabelle per ogni fascia d’età. Ma sono spesso rigorose e una ricetta per il fallimento”.

Le persone poi si sentono a disagio nel superare il tempo consigliato, descrive Okma: “Chiediti: c’è ancora un equilibrio? Mio figlio gioca fuori, ci sono amici, fa sport?

Conclude: “Mantieni quell’equilibrio e tieni anche d’occhio ciò che tuo figlio vede e fa durante il tempo davanti allo schermo. È davvero più importante del numero di minuti”.

Marielle Balledux del Netherlands Youth Institute lo sottolinea. “Solo per i bambini sotto i 2 anni, diamo a consigli concretiun massimo di 60 minuti distribuiti nell’arco della giornata.

Lo svezzamento dagli schermi richiede disciplina. I genitori devono rispettare le regole e dare loro stessi l’esempio: “Se vuoi che tuo figlio legga un libro in vacanza, fallo da solo. Quindi metti via il telefono. Prima di andare in vacanza, andate a prendere dei bei libri insieme in biblioteca”.

Per lui la preparazione è metà dell’opera: “Dì ai tuoi figli: in vacanza pensiamo sia importante fare le cose insieme, uscire. E chiedi loro: come ci assicuriamo che funzioni e che utilizziamo il tempo che passiamo sui nostri telefoni?

Marielle Balledux dell’Istituto giovanile olandese sottolinea che i genitori che occasionalmente parlano ai propri figli del tempo davanti allo schermo troveranno più facile in una conversazione del genere prima delle vacanze: “I bambini capiscono davvero che” anche altre cose sono importanti per loro. Tranne forse gli adolescenti. “

READ  Recensione Samsung Galaxy Z Flip4

Aggiunge: “Per i genitori che trascorrono molto tempo al telefono tutto l’anno e vogliono limitare il tempo davanti allo schermo durante le vacanze, una conversazione del genere può diventare più difficile”.

Avventura

Non incolpare tuo figlio se, nonostante gli accordi, reagisce stressato quando il telefono deve essere spento in campeggio: “Tutti i giochi e le app sono stati sviluppati appositamente per continuare ad attrarli. I bambini hanno bisogno che i genitori sistemino le cornici . “

Contrasta le tentazioni online con un attraente lato offline, consiglia Zwanenberg. “Fai cose avventurose che non fai il resto dell’anno. Escursioni, ma anche: gira a tuo piacimento in un enorme supermercato francese.”

La pedagoga Okma racconta come, da bambina, andava sempre a Terschelling con la sua famiglia ogni anno. “Non avevamo una TV lì. Ci è voluto un po’ per abituarcisi, ma presto abbiamo iniziato ad armeggiare, ricamare, dipingere con i numeri, ecc.”

I tempi sono cambiati, i bambini no (davvero)

A causa di telefoni cellulari e tablet, non ci sono quasi posti senza schermi. Finché il wifi funziona, tutto è possibile. Ma i bambini hanno ancora gli stessi bisogni di base in casa, dice Zwanenberg: “Se hanno acqua e sabbia, o altri bambini con cui giocare, si dimenticano sempre di quello schermo”.

Okma aggiunge: “E va bene annoiarsi un po’ ogni tanto. Alla fine, si alzano da quella sedia e fanno qualcosa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *