Nuova morte dopo l’omicidio di Guillaume d’Orange: guardia del corpo (e fornitore d’armi) ha posto fine alla sua vita per il rimorso |  Affiggere

Nuova morte dopo l’omicidio di Guillaume d’Orange: guardia del corpo (e fornitore d’armi) ha posto fine alla sua vita per il rimorso | Affiggere

Tempi bui per gli Aranci, con la minaccia della principessa ereditaria Amalia, che difficilmente riesce a lasciare il palazzo Huis ten Bosch. Nella terza puntata del nostro podcast Da Orange: da Willem ad Amalia il presentatore Kevin Goes e il giornalista della famiglia reale Jeroen Schmale ingrandiscono un altro momento drammatico nella storia della famiglia: l’omicidio di Guglielmo d’Orange a Delft nel 1584.



Nel quarto e ultimo episodio della prima stagione, Goes e Schmale discutono delle quattro mogli del Padre della Patria, che era anche padre di tredici figli.

Suo figlio maggiore, Filippo Guglielmo, fu preso in ostaggio e tenuto prigioniero in Spagna per quasi trent’anni dopo che suo padre fu scoperto essere il capo della rivolta in Olanda.



Philip Willem portava sempre il nome del suo rapitore, il re di Spagna (e governatore dei Paesi Bassi) Filippo II. Questo monarca aveva messo una taglia cara sulla testa di Van Oranje. Vai: ,, Da 25.000 corone. Una rapida conversione: ora sarebbero tre milioni di euro. Fu anche un’opera di prestigio cattolico; Fare di Guglielmo d’Orange una testa più piccola faceva parte della fede”.

READ  Le voci sul rilascio stanno già danneggiando la reputazione di Matthijs van Nieuwkerk

Alla fine fu un devoto cattolico, il francese Balthasar Gerards, a sparare a Van Oranje al Prinsenhof di Delft. Biografo René van Stipriaan: ,,Ha cercato di gettare sabbia negli occhi di coloro che stavano intorno a Van Oranje, ad esempio comportandosi come un calvinista, quando in realtà non gli piaceva il calvinismo. Stava camminando per le strade di Delft, leggendo il suo libro di salmi, come facevano molti calvinisti a quel tempo”.

I creatori del podcast Kevin Goes e Jeroen Schmale chiacchierano con Hester Schölvinck del Prinsenhof Delft vicino ai fori dei proiettili nel muro del museo.

I creatori del podcast Kevin Goes e Jeroen Schmale chiacchierano con Hester Schölvinck del Prinsenhof Delft vicino ai fori dei proiettili nel muro del museo. © Daan Hofstee

Goes e Schmale hanno registrato parte di questo podcast con Hester Schölvinck, responsabile della collezione e della presentazione dell’attuale museo, accanto ai fori di proiettile nel muro. Schölvinck descrive l’omicidio in dettaglio: ,,Stava mangiando nella foresteria, il sindaco di Leeuwarden era in visita. Sua sorella Catharina van Nassau, la sua quarta moglie Louise de Coligny e diversi bambini hanno mangiato con loro. Non sappiamo chi esattamente, ma sappiamo che devono essere state le figlie del matrimonio di Willem con Charlotte de Bourbon. Escono tutti fuori, lo scudiero davanti. Balthasar spara due pagine sopra la testa, Willem continua ad afferrare la spalla del suo scudiero. Ci sono testimonianze – molto toccanti – che venga messo con la testa in grembo alla sorella”.

Le ultime parole attribuite a Guglielmo d’Orange (“Dio, abbi pietà della mia anima. Dio, abbi pietà di questo povero popolo’) potrebbe aver parlato a malapena, probabilmente è morto quasi immediatamente. È meno noto che la pistola con cui Gerard ha sparato gli era stata venduta pochi giorni prima da una guardia del corpo di Van Oranje. Schmale: ,, che aveva lavorato per lui per trent’anni e non poteva vivere con l’idea di aver fornito la pistola all’assassino. Si è suicidato con un pugnale il giorno dopo l’omicidio”.

Tieni d’occhio questo sito per gli ultimi episodi del nostro podcast “Van Oranje”, una serie sulle arance più importanti nella ricca storia della nostra famiglia reale. Ascolta questo attraverso il nostro sito weboppure iscriviti tramite Spotify Dove itunes così non ti perdi nessun episodio.



Guarda tutti i nostri video della Casa Reale qui:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *