Nuova trasmissione BOOS su The Voice: cosa è successo dal primo?  |  ADESSO

Nuova trasmissione BOOS su The Voice: cosa è successo dal primo? | ADESSO

ARRABBIATO-il presentatore Tim Hofman alzerà di nuovo le sue frecce giovedì La voce dell’Olanda. Jean de Mol ha già dato un assaggio: non parlerà più con Hofman. Secondo quanto riferito, il produttore televisivo sapeva in precedenza dell’abuso a La vocema lo nega lui stesso. Il suo talent show è andato in onda dalla prima messa in onda di ARRABBIATO controverso.

Il 15 gennaio, RTL e il produttore ITV annunciano che il successo televisivo La voce non viene più trasmesso. Hanno ricevuto un’e-mail da ARRABBIATO, contenente gravi accuse di trasgressione sessuale e abuso di potere. Il programma BNNVARA lo sta studiando dalla primavera del 2021. Uno speciale è annunciato per il 20 gennaio.

Nel frattempo, molte informazioni stanno già venendo fuori. Il leader del gruppo Jeroen Rietbergen ha presentato una denuncia contro di lui. Ammette la sua cattiva condotta e si dimette immediatamente. Anche acceso La voce– escono le storie dell’allenatore Ali B. e del regista Martijn N.. Nel ARRABBIATOla consegna sarà confermata.

Lo spettacolo è durato quasi un’ora e mezza (circa tre volte più di una media ARRABBIATOepisodio) attira rapidamente milioni di spettatori. Oltre a parlare di varie presunte vittime, Hofman parlerà anche con John de Mol. “Mi sento responsabile per ciò che è andato storto lontano dalla mia vista”, ha detto il produttore, che è stato coinvolto nel programma fino alla fine del 2019.

De Mol: ha ricevuto una sola segnalazione da un candidato

De Mol dice di aver ricevuto solo una volta una relazione da un candidato. Ha detto nella primavera del 2019 di aver ricevuto testi sessualmente trasgressivi da Rietbergen. Il leader del gruppo avrebbe ricevuto un avvertimento per questo.

READ  Inizia il Pride Amsterdam, migliaia di persone si uniscono al Pride Walk | ADESSO

Dopo la trasmissione, il magnate dei media riceverà critico. Non avrebbe capito perché le vittime non si fossero fatte avanti. “Apparentemente le donne provano una sorta di vergogna”, dice De Mol ARRABBIATO. “Non so cosa sia, ma vorrei scoprirlo”.

Poco dopo la trasmissione, i dipendenti Talpa hanno reagito furiosamente con una lettera anonima. De Mol trae le sue dichiarazioni su questo diritto. “Het is mij duidelijk geworden dat vrouwen zich niet zullen melden als de cultuur in een bedrijf niet als veilig genoeg wordt ervaren. Ik reken het mezelf aan dat dit in mijn bedrijf kennelijk zo is en ga me voor de volle 100 procent inzetten om dit te cambiare.”

Tuttavia, non tutto è risolto dopo. A maggio parla NU.nl con l’avvocato Sébas Diekstra. Dice che una donna una volta ha denunciato un comportamento sessualmente trasgressivo nel 2018. Questo è un anno prima di quanto lo stesso De Mol lo abbia sottolineato. Talpa poi dice che è sorpreso. “Fino a quando non si saprà esattamente qual è il reclamo, dove e quando è avvenuto e a chi è stato segnalato all’epoca nel 2018, non possiamo rispondere a questo. Non è mai arrivato alla direzione”.

La diffusione di ARRABBIATO porta a varie denunce contro Rietbergen, Martijn N. e Ali B. Nella serie online viene menzionato anche Marco Borsato. Successivamente, viene presentata una denuncia contro di lui, ma questa relazione è separata da ARRABBIATO.

“Non sono state fornite prove concrete”

De Mol ha annunciato mercoledì che non avrebbe partecipato alla nuova trasmissione di ARRABBIATO. Secondo quanto riferito, una conversazione è stata segretamente registrata tra una persona anonima e un confidente di ITV. “La trascrizione della conversazione telefonica registrata è stata resa anonima e modificata”, spiega il magnate dei media. “In parte a causa di ciò, la conversazione era a malapena comprensibile. Quindi è stato difficile rispondere”.

READ  Il coraggio di Pio e Amedeo di non chiedere scusa

Secondo De Mol, non sono state fornite prove concrete per l’accusa di essere a conoscenza di più segnalazioni. “Data l’importanza della riservatezza per il ruolo di consulente confidenziale, nutriamo serie riserve su questo stato di cose. Le domande che abbiamo visto non forniscono alcuna nuova informazione. Non hanno una concreta fondatezza dell’accusa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *