Questa azienda deve pagare al fisco 120.000 euro per pranzi salutari gratuiti per i dipendenti

Questa azienda deve pagare al fisco 120.000 euro per pranzi salutari gratuiti per i dipendenti

Vuole battersi fino in Cassazione, il ricorso è già stato depositato. Rob Baan, proprietario di Koppert Cress, ritiene che il governo dovrebbe incoraggiare le persone a mangiare sano.

Pertanto non gli va bene che il giudice di un processo precedente e nella recente chiamata alla corte d’appello, dalla parte dell’amministrazione fiscale.

80% di tasse

Questo è lo spazio libero, una disposizione della legge tributaria. In base al regime del costo del lavoro, un’azienda può spendere una percentuale del totale dei salari all’anno in indennità esentasse per il personale.

Si tratta, ad esempio, di un pacchetto natalizio, feste del personale e bevande. Le aziende così generose da superare la soglia devono pagare l’80% di imposta sui salari su questa parte.

vale 800 euro

I pranzi da Koppert Cress valgono complessivamente circa 800 euro per dipendente, con contratto a tempo pieno. Calcolato sull’intera forza lavoro, questo significa che dal 2016 Baan ha dovuto pagare circa 120.000 euro di tasse dopo lo spazio libero.

“Voglio indietro questi soldi. Mi sono opposto, è stato respinto, poi ho avviato la causa. Una tonnellata è nulla rispetto al mio fatturato totale e anche il contenzioso costa denaro, ma è una questione di principio. Un pranzo sano non va tassato, non è uno stipendio mascherato”.

Solo cibi sani

In mensa non sono ammesse crocchette, né panini al formaggio né bibite. “Serviamo solo acqua aromatizzata alla frutta fresca. Abbiamo anche tutti i tipi di insalate, creme spalmabili di verdure, verdure grigliate, zuppa fresca e pane. Quest’ultimo è necessario perché ci sono persone che fanno lavori fisicamente impegnativi, ma spesso optano anche per l’insalata .”

READ  Gucci, il nuovo orologio: prezzo e modello

Il governo vuole che gli olandesi vivano una vita sana, dice Baan. “Si inizia con l’alimentazione. Mangiamo poca frutta e verdura. Spesso non mangiamo più di 130 grammi al giorno. Questo perché non abbiamo una buona cultura del pranzo. A pranzo, mangiamo poco frutta e verdura. L’ho cambiato.’

A parte alcuni, il personale è soddisfatto. “Si sentono più sani, dicono di avere più energia, si ammalano meno spesso. Quindi pago il pranzo con amore”.

Verso una sana pensione

Baan trova un problema dover pagare (parzialmente) l’80% di tasse su questo prodotto. “Anche le scarpe di sicurezza non sono tassate. Le indossi per proteggere l’alluce sinistro e quello destro. Quello che sto facendo è proteggere il tuo rene sinistro e il tuo rene destro”.

L’orticoltore vuole assicurarsi che il personale raggiunga il pensionamento in buona salute. “Metti in pratica ciò che predichi. Qui a pranzo ricevono già 200 grammi di verdure, quindi devono decidere da soli cosa mangiare la sera e la mattina”.

I pasti sono composti da un dietista e soddisfano il guida all’alimentazione sana del Consiglio della Salute e del disco da cinque del Centro Nutrizionale. Durante il processo, Baan ha anche presentato le dichiarazioni di un medico del lavoro e di un medico del lavoro.

Il loro consumo: il pranzo, combinato con un programma di esercizi, fa parte della politica di salute e sicurezza e può essere visto come “una struttura per la riduzione del rischio per la salute”.

Legge del 1964

L’amministrazione fiscale e doganale quindi la pensa diversamente, sulla base della legge del 1964 legge sull’imposta sui salari. Non fa parte della politica delle condizioni di lavoro ed è quindi tassato.

READ  "Tutto sparirà quando ci chiederanno il rimborso dello Stimulus Fund"

Baan: “Quando parliamo con le autorità fiscali o il ministero, loro supportano ciò che stiamo facendo. Ma quando necessario, dobbiamo pagare in base a questa vecchia legge. autorità fiscali e in questo penso di avere buone possibilità di vincere questo caso in Cassazione. E poi anche altre aziende possono offrire più facilmente un pranzo salutare.

Baan preferirebbe che la legge fosse modificata su questo punto dalla Camera dei Rappresentanti. “Avrà un enorme impatto sulla salute pubblica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *