Operazione francese per salvare le orche erranti nella Senna | All’estero

L’orca nuota semplicemente avanti e indietro, sembra molto indebolita e ha poche possibilità di sopravvivenza. Con l’uso dei suoni delle balene, gli esperti vogliono evitare di dover utilizzare una nave per le operazioni di salvataggio, il che aggiungerebbe ulteriore stress all’animale indebolito.

L’orca assassina è stata avvistata per la prima volta nella foce della Senna, tra Le Havre e Honfleur, il 16 maggio, secondo il quotidiano La Voix du Nord. L’animale è anche riemerso alcune volte al largo della costa settentrionale della Francia. Le orche assassine si trovano tipicamente lungo le coste della Scozia, dell’Islanda e della Norvegia e più a sud nell’Oceano Atlantico. Non è chiaro se l’orca si sia smarrita a causa di una malattia. Potrebbe essere un giovane animale che ha perso il suo gruppo.

Il testo continua sotto l’immagine

Gli esperti non sono molto ottimisti sulle possibilità di riportare l’orca nell’oceano. “Siamo molto preoccupati. Il suo stato di salute si sta deteriorando”, ha detto all’AFP l’esperto Gérard Mauger a nome del gruppo di ricerca francese sui mammiferi marini GECC. “Più a lungo l’orca nuota in acqua dolce, più l’animale si deteriora rapidamente. Trovare un modo per riportare l’orca nell’acqua salata è difficile.

L’orca è stimata tra i 4 ei 5 metri di lunghezza ed è probabilmente un maschio.

READ  “Chiamare Putin criminale di guerra non aiuta”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.