ora è in semifinale – Corriere.it

Sopraffatto. Difficile trovare altri aggettivi per Jannik peccatore, che si è qualificato per le semifinali diAtp 500 a Barcellona. Un capolavoro, quello del 19enne altoatesino, che ha battuto il russo 6-2 7-6 Andrei Rublev (numero 7 del mondo), che solo cinque giorni fa aveva giocato la finale di Masters 1000 de Montecarlo, perdere Stefanos Tsitsipas (prossimo rivale dell’italiano, che ha licenziato il canadese Felix Auger-Aliassime con un doppio 6-3). Rublev, a livello Atp 500, aveva perso una delle ultime 26 partite, ma nel primo set era in balia del gioco di Sinner, per la prima volta in semifinale su terra battuta. Un break nel terzo game è stato decisivo per il 6-2 del primo set, poi ripetuto nel settimo.

Da Sinner a Musetti con i capolista Berrettini e Fognini: 10 italiani nella top 100 mondiale, record storico
Ha registrato
Ha tie-break

Rublev non è più abituato a subire il gioco dell’avversario: ecco perché nel secondo set Peccatore ha dovuto dimostrare tutta la sua forza per vincere la partita e la semifinale. Rottura dell’azzurro in gara sette, prima di un parziale di otto punti uno contro uno Rublev. Quindi testa a testa nella finale del set: tre punti di rottura annullato dal russo nell’undicesima partita, poi lo scontro al tie-break, dove Sinner conferma di avere medie disumane.


Stagione

L’account 2021 deve essere aggiornato di nuovo, avendolo già fatto 24 ore fa nel gioco contro Bautista Agut: Ora dall’inizio dell’anno solare, ci sono 12 partite decisive vinte su 15 giocate. Peccatore, che partiva dal 19 ° posto nel mondiale, torna: per il momento una posizione, ma con la possibilità di continuare a salire in caso di qualificazione alla finale e, meglio ancora, in caso di successo finale. Non l’unico italiano in semifinale: a Belgrado, beh Matteo berrettini, che ha battuto il serbo con un doppio 6-4 Krajinovic.

READ  Infortunio al flessore di Pedro: le sue condizioni

23 aprile 2021 (modifica il 23 aprile 2021 | 16:34)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *