Paura nelle capitali europee, da Bruxelles a Edimburgo, corriamo a metterci al riparo

L’allarme Covid suona nelle capitali europee. Da Madrid a Mosca, i casi sono in aumento e con l’aumentare della tensione, le restrizioni ricominciano. Gli ultimi, in ordine di tempo, furono imposti Bruxelles. Nella capitale del Belgio, come spiega il ministro-presidente della Regione Rudi Vervoot, una persona su sette tra i testati risulta positiva. I dati, tutt’altro che rassicuranti, hanno portato il governo a chiudere le sbarre per un mese dall’8 ottobre. I ristoranti rimarranno aperti, ma al tavolo potranno essere sedute non più di quattro persone. Tranne i conviventi. Inoltre, non tutte le persone saranno in grado di vedere più di tre persone al mese. Familiari e collaboratori sono esclusi dal conteggio. Con una media di 540 contagiati al giorno, Bruxelles è la seconda capitale europea più colpita dal Covid. Il primo rimane Madrid, inserito la scorsa settimana in un blocco parziale, avviato dopo un lungo stallo tra il governo centrale e le autorità locali. Mentre Sanchez annuncia un piano con il quale prevede di creare 800.000 posti di lavoro nei prossimi tre anni con l’aiuto dell’UE alle economie colpite dalla pandemia, la curva di contagio resta preoccupante: questa settimana il Paese iberico è è diventato il primo nell’UE a superare le 825.000 infezioni da coronavirus.

Anche in allerta Berlino, dove ieri il Senato ha disposto che bar e ristoranti restino chiusi dalle 23:00 alle 6:00. Durante la notte possono restare aperti solo i distributori di benzina, ma non potranno vendere alcolici. Anche il numero dei partecipanti alle feste private è ridotto a 10 (era 25). La pressione causata dalla pandemia è in aumento e alcuni quartieri vengono definiti aree a rischio. In tutta la Germania c’è un nuovo record di casi: oggi ci sono 2.828 nuove infezioni
secondo il Robert Koch Institute (RKI), con 16 nuovi decessi, per un totale di 9.562 decessi dall’inizio della pandemia. Cresce anche il numero dei pazienti in terapia intensiva: 449.

READ  "No alla paura di Covid"

La Francia non riesce a tirare sospiri di sollievo, dove ieri si sono registrati 10.489 nuovi positivi e 66 morti. A preoccupare è il numero di posti letto in terapia intensiva occupati dai pazienti Covid, che ora si attesta a 1.426 (11 in più rispetto al totale di ieri). A Parigi in particolare, la quota di pazienti Covid in terapia intensiva ha superato il 40% ed è destinata ad aumentare abbastanza velocemente: Aurèlien Rousseau, direttore generale dell’Azienda sanitaria regionale, ha affermato che il tasso di occupazione raggiungerà probabilmente il 50% “di le prossime due settimane “.

Anche pub, bar, ristoranti e caffè sono chiusi ovunque Scozia centrale, da venerdì. Lo ha annunciato, riporta la BBC, il premier Nicola Sturgeon. “Niente di tutto questo è facile”, ha detto, aggiungendo di essere consapevole che ogni decisione “è in gioco, è vita e lavoro”. Ma contro l’aumento dei contagi da coronavirus “dobbiamo fare di più – ha sottolineato – e dobbiamo farlo adesso”.

Appena fuori dall’Europa, anche la situazione in Russia è complessa, dove sono stati osservati 11.115 nuovi casi di Covid-19 nelle ultime 24 ore e 202 persone sono morte a causa dell’infezione. Secondo i dati ufficiali, i contagi in Russia dall’inizio dell’epidemia sono 1.248.619, mentre i morti sono 21.865. L’allarme arriva dal sindaco di Mosca, Sergei Sobyanin, che parla di una situazione ” giorno dopo giorno sempre più difficile e drammatico “. “Ci stiamo avvicinando al picco delle infezioni. Il numero di persone sieropositive ricoverate oggi in ospedale supera il migliaio. E la crescita continua ”.

Molti stati, tra cui l’Italia, dove oggi sono stati registrati 3.678 nuovi casi, si stanno preparando a evitare ulteriori blocchi completi. Ciò metterebbe ulteriormente in ginocchio i risparmi già decimati da Covid.

READ  Medjugorje, Notre-Dame: "Questo è il messaggio più importante .."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *