Per ora, la Russia deve fare marcia indietro a Kherson e nel Donbass

Per ora, la Russia deve fare marcia indietro a Kherson e nel Donbass

Mentre il Cremlino si sta ancora riprendendo dalla sconfitta militare in Oriente nel Lymangli ucraini fanno una svolta nel sud intorno all’importante città di Kherson.

Sebbene le informazioni siano scarse, gli ucraini sembrano avanzare da nord-est. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha annunciato lunedì la liberazione delle città di Myrolyubivka e Archanhelske, a circa 110 chilometri dalla città di Kherson. Appena a sud, le unità corazzate ucraine avanzarono per diverse decine di chilometri lungo il Dnepr fino alla città di Dudchany, molto dietro le linee russe. Martedì mattina, le forze armate ucraine hanno nuovamente ottenuto significativi guadagni di territorio in alcuni punti e non era chiaro dove fosse la linea del fronte.

Leggi anche I media russi non possono più ignorare le battute d’arresto

Un portavoce del ministero della Difesa russo aveva già ammesso lunedì che l’Ucraina era “penetrata in profondità nelle nostre difese” e che i russi avevano dovuto lasciare le loro posizioni per assumere nuove posizioni. Ancora più a ovest, gli ucraini hanno preso alcuni posti al fronte, secondo quanto riportato martedì dai canali ucraini di Telegram.

Kherson è una delle quattro regioni ucraine annesse venerdì scorso, anche se il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato lunedì che i confini precisi del territorio annesso nelle regioni di Kherson e Zaporizhzhya devono ancora essere determinati “dopo aver consultato la popolazione”. Ma è proprio qui che le truppe russe si trovano in una posizione vulnerabile sulla sponda occidentale del Dnepr, in gran parte tagliata fuori dall’entroterra. Negli ultimi mesi, l’Ucraina ha attaccato ripetutamente i ponti per Kherson (incluso con Missili HIMARS). Il rifornimento di circa 25.000 soldati russi dall’altra parte del fiume è quindi problematico. Lo stato maggiore russo, ha riferito Il New York Times due settimane fa, sulla base di fonti anonime, avrebbe spinto per una ritirata oltre il Dnepr. Questa richiesta sarebbe stata rifiutata dal presidente russo Vladimir Putin.

READ  Corea del Nord, grande spettacolo di Kim Jong Un: "In caso di attacco, risponderemo"

L’annessione di Kherson alla Federazione Russa significa che i russi intendono difendere ostinatamente la città. I rapporti del Ministero della Difesa russo e dei canali telegrafici russi dipingono un quadro di aspri combattimenti, con pesanti perdite da entrambe le parti. Nonostante i successi militari delle ultime 48 ore, Kherson non è ancora alla portata degli ucraini. Negli ultimi mesi i russi hanno costruito diverse linee di difesa intorno alla città.

Nonostante i successi militari delle ultime 48 ore, Kherson non è ancora alla portata degli ucraini

Kherson è anche difeso da unità d’élite delle forze armate russe, come la 76a divisione aviotrasportata della divisione aviotrasportata. E sebbene sembri che kyiv abbia dato tutto il suo peso alla battaglia per Kherson, schierando dozzine di carri armati e mezzi corazzati per il trasporto di personale, la domanda è se il dominio ucraino sia sufficiente per arrotolare l’intera guarnigione russa.

Unità combattenti sconfitte

Ciò non toglie che le posizioni russe in Cisgiordania appaiano insostenibili a lungo termine. I combattimenti degli ultimi mesi hanno messo a dura prova le forze armate russe. Le unità della 126a Brigata, un blogger russo riportato su Telegram, sono sul fronte di Kherson da marzo; secondo quanto riferito, gli uomini non hanno avuto più di cinque giorni liberi negli ultimi sette mesi. Tutte le unità sono state gravemente esaurite negli ultimi mesi a causa di un flusso costante di morti e feriti.

Leggi anche Sei russi sulla mobilitazione: “Tutti sotto shock, ma non tutti sedati”

In queste circostanze, anche le migliori truppe russe possono sfondare. A Lyman, gli uomini della 144a divisione di fanteria Panzer, la crème de la crème dell’esercito professionale russo, non potevano resistere alle forze ucraine. La Russia ha bisogno di decine di migliaia di nuovi soldati per ricostruire le sue unità di combattimento malridotte: soldati ben addestrati, non i riservisti che ora si stanno affrettando a mobilitarsi. Per ora, la Russia deve fare marcia indietro, anche nel Donbass. Dopo il rilascio di Lyman, gli ucraini avanzarono più a est, verso il Creminna e la strada per Shevyerodonetsk. A metà giugno, questa città industriale è stata distrutta dopo pesanti combattimenti conquistata dai russi. Ora i ruoli sono invertiti.

READ  I piani di Putin per l'Ucraina: "Ha già il successore di Zelensky"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *