Perché il T. Rex aveva le braccia corte?  Un nuovo dinosauro ravviva il dibattito

Perché il T. Rex aveva le braccia corte? Un nuovo dinosauro ravviva il dibattito

AFP/Carlos Papolio

Notizie ONS

  • Ivo Landman

    editore in linea

  • Ivo Landman

    editore in linea

È una domanda che perseguita le persone sin da quando sono stati scoperti i primi fossili di Tyrannosaurus rex: perché il terrificante predatore aveva quelle zampe anteriori corte e pazze? I paleontologi hanno scoperto una nuova specie di dinosauro in Argentina che assomiglia molto al T. rex, comprese le braccia goffe, e hanno anche un’idea del perché fossero così piccoli.

I suoi arti anteriori erano così corti che quando i primi scheletri di T. rexen furono scoperti intorno al 1900, i ricercatori riuscivano a malapena a immaginare che questi mini arti appartenessero all’enorme bestia. “Provenivano da una bestia diversa, pensavano all’inizio”, dice la paleontologa Melanie Pendant, che attualmente sta facendo ricerca di dottorato presso l’Università di Uppsala in Svezia. “Comprensibile. Sono anche molto bassi.”

Tuttavia, le mini gambe facevano effettivamente parte del carnivoro preistorico. In effetti, in seguito furono trovate più specie con braccia ancora più corte. Ma una spiegazione? Infatti, a distanza di oltre un secolo, ancora non lo sappiamo.

Wikimedia commons/Rique (CC BY-SA 4.0)

Trix, il T. rex del Naturalis Museum di Leida

Con la scoperta di un altro dinosauro dalle membra insignificanti, questa volta in Patagonia, la questione torna a far notizia, e ancora una volta si parla molto.

Nel corso degli anni, molte teorie sono state fatte circolare in tutto il mondo. Uno dei più popolari è che le gambe venivano usate solo durante l’accoppiamento. Durante può immaginare qualsiasi cosa. “La coda si è intromessa durante l’accoppiamento, quindi sono stati in grado di utilizzare un supporto extra”.

E il mese scorso, sulla base di diversi studi, gli scienziati hanno proposto la teoria che le gambe fossero abbastanza corte da garantire che non venissero strappate accidentalmente da un altro essere. Ciò potrebbe accadere se le bestie cacciassero in gruppo e si tuffassero insieme in cerca di prede, come coccodrilli e alligatori.

Ma non è così che funziona l’evoluzione, osserva il paleontologo Pendant. “L’evoluzione non pensa al futuro, penso che sia benefico, quindi accorciamo un po’ le gambe. C’è un libro sull’evoluzione chiamato L’orologiaio cieco. Questa è l’evoluzione: super complessa ma senza alcuna idea o pianificazione”.

Canale et al., 2022

Le ossa ritrovate del Meraxes Gigas

E poi c’è questo nuovo dinosauro: il Meraxes gigas (“Meraxes” is a dragon of Game of Thrones, ‘gigas’ parla da sé, con una lunghezza dalla testa alla coda di oltre 10 metri). Sembrava T. rex ma non era imparentato. Le notevoli deformazioni del cranio dell’animale potrebbero essere state un ornamento per attirare i compagni. E anche quelle braccia corte.

Gli scienziati che descrivono la nuova specie nella rivista professionale Biologia attuale propendo per una nuova teoria: l’energia che andava agli arti anteriori in altre specie, nel Meraxes gigas – e nel T. rex – andava in un’altra parte del corpo: l’enorme cranio.

È anche una spiegazione plausibile, secondo il paleontologo. “Ma anche quelle altre teorie potrebbero essere vere. In effetti, non si escludono nemmeno a vicenda. Hanno davvero fatto qualcosa con quelle braccia, perché le ossa sono piuttosto robuste, solo molto piccole. Ma cosa esattamente, puoi solo fare quello sulla speculazione Il che in realtà è molto più bello: che hanno trovato e descritto una nuova specie di dinosauro.

READ  Il produttore di Denuvo-drm introduce SecureDLC-drm per DLC e microtransazioni - Giochi - Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *