Perché l’OPEC litiga sul prezzo del petrolio

Caricamento del lettore

Lunedì l’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC) ha interrotto senza accordo, l’incontro tenutosi a Vienna con l’obiettivo di concordare un aumento della produzione di greggio per far fronte alla crescente domanda dovuta alla ripresa economica mondiale, che ha fatto raddoppiare i prezzi da inizio anno.

L’incontro ha riunito dieci paesi produttori non-cartello (che è composto da 13 Stati membri), che in questo caso si chiama OPEC+ e comprende la Russia, secondo produttore mondiale dopo gli Stati Uniti, oltre a molti produttori paesi. come l’Arabia Saudita, l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti e la Nigeria, tra gli altri. La fine dei colloqui ha fatto salire nettamente le quotazioni del petrolio, spingendo il prezzo del greggio texano (West Texas Intermediate, comunemente noto come WTI) da 75,12 dollari a 76,69 dollari al barile, mentre quello del Brent, il petrolio del Mare del Nord, è andato da 76,05 a 77,47 dollari al barile.

L’organizzazione potrebbe riaprire le discussioni in qualsiasi momento, ma non è stata concordata alcuna data per il prossimo incontro, lasciando gli investitori nell’incertezza. Non solo la stabilità dell’organizzazione dipende dalla capacità dell’OPEC+ di raggiungere un accordo per aumentare la produzione, scossa lo scorso aprile da una guerra dei prezzi che GUIDATO con altri fattori il petrolio WTI ha essere scambiato prezzi negativi per la prima volta nella storia, ma anche la continua ripresa dell’economia mondiale (che ha bisogno di energia), nonché l’andamento dell’inflazione (ovvero l’aumento dei prezzi di beni e servizi) nei paesi importatori, perché se il prezzo dei il petrolio aumenta il costo dell’energia, dei trasporti e quindi dei beni e servizi finali.

READ  il Vescovo di Mostar in udienza privata con il Papa

– Leggi anche: Com’è possibile che il prezzo del petrolio sia “negativo”?

Venire previsto dalla stessa OPEC nel suo ultimo rapporto, nella seconda metà del 2021 la domanda mondiale di petrolio aumenterà di 5 milioni di barili al giorno rispetto alla prima metà dell’anno, quando era già aumentata della stessa cifra, che aveva spinto il cartello a concordare nell’aprile di quest’anno un aumento di 2 milioni di barili al giorno da maggio a luglio.

Data la forte crescita della domanda prevista, se l’organizzazione non riesce a raggiungere rapidamente un accordo, i prezzi continueranno a salire. L’incontro interrotto lunedì mirava quindi ad aumentare ulteriormente la produzione totale di 400.000 barili al giorno ogni mese a partire da agosto, oltre a posticipare la scadenza dell’accordo precedentemente concluso spostandolo da aprile 2022 a dicembre 2022.

Secondo Bloomberg, l’impossibilità di raggiungere nuovi livelli produttivi sarebbe derivato un disaccordo tra l’Arabia Saudita (primo produttore dell’Opec e terzo produttore mondiale con 8,5 milioni di barili al giorno) e gli Emirati Arabi Uniti, che producono meno di un terzo di greggio rispetto ai sauditi.

All’inizio, sempre secondo Bloomberg, gli Emirati non hanno condiviso la decisione di estendere il patto oltre l’aprile 2022, condizione ritenuta necessaria dall’Arabia Saudita e da altri membri per garantire una maggiore stabilità dei prezzi nei prossimi mesi. . Gli Emirati non vogliono prolungare il patto perché non sono d’accordo con le quote di produzione assegnate al momento. Tali quote sono state stabilite sulla base della capacità produttiva del Paese nel 2018, che nel frattempo è passata da circa 3,2 a quasi 4 milioni di barili al giorno e si prevede che aumenti nei prossimi 10 anni. Insomma: gli Emirati vogliono poter produrre di più, ma Arabia Saudita e Russia si sono opposte per paura che altri membri pretendessero lo stesso trattamento, che aumenterebbe la produzione oltre gli obiettivi del cartello.

Il ministro dell’Energia degli Emirati Arabi Uniti Suhail al-Mazrouei (AP Photo / Kamran Jebreili)

Da questa divergenza di opinioni è scaturito un disaccordo sempre maggiore (e quanto i media hanno scritto sempre più personale tra i ministri del Petrolio dei due Paesi), reso pubblico dai ministri attraverso interviste televisive separate e che ha riguardato questioni di politica estera ed economica. che sono andati oltre quello sul petrolio, mettendo in chiaro che il conflitto ha cause precedenti.

READ  A che punto è la guerra in Etiopia

Negli ultimi anni, l’Arabia Saudita mettere sotto pressione multinazionali straniere trasferiranno la loro sede in Medio Oriente da Dubai, che è il centro degli affari della regione e si trova negli Emirati, alla sua capitale Riyadh. Generalmente, cresce la rivalità economica tra i due paesi per un po ‘di anni. Ciò ha inevitabilmente creato una tensione che ora si è esacerbata a causa delle divergenze sulla produzione petrolifera e che rischia da un lato di rimandare le trattative, facendo salire il prezzo del petrolio con le conseguenze che abbiamo visto, e dall’altro di innescare una nuova guerra dei prezzi, che potrebbe al contrario far scendere molto rapidamente il prezzo del greggio e diventare molto volatile fino al raggiungimento di un accordo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *