Perché non esiste Google Street View in Germania

Osservando l’Europa su Google Maps con la modalità Street View abilitata, che ti permette di guardarti intorno dalla prospettiva di un’auto sulla maggior parte delle strade del continente, noterai che quando ti connetti con la Germania, noterai che le fitte linee blu che rappresentano la copertura di il servizio. A quasi quindici anni dall’introduzione di Street View, è infatti possibile percorrere solo una piccolissima parte delle strade del territorio tedesco: dipende dalle rigide leggi per la tutela della privacy, alle quali i tedeschi sono particolarmente sensibili per via del passato doloroso del controllo delle libertà individuali da parte del regime nazista prima, poi della Repubblica Democratica Tedesca (DDR).

Il servizio Street View è stato lanciato nel 2007 e oggi si estende a quasi tutti i paesi del mondo, mentre per ragioni geografiche o politiche è quasi o totalmente assente in alcuni stati africani e in paesi che non esistono. Non contraddistinti dalla trasparenza, come il Nord Corea o Turkmenistan. Spostando l’omino giallo (Pegman) su Google Maps, puoi anche vedere luoghi molto distanti, come piattaforme petrolifere nel Mare del Nord o luoghi remoti dell’Amazzonia, ma non le strade di una città tedesca di medie dimensioni. .

Escludendo le città più popolose, infatti, la Germania è l’unico grande Paese occidentale che non ha consentito un’ampia copertura di Street View.

L’annuncio che Google avrebbe voluto mappare le venti città più grandi della Germania entro la fine del 2010 è stato accolti con grande diffidenza e malcontento sia dal governo che dagli abitanti. L’allora ministro della tutela dei consumatori, Ilse Aigner, Egli ha detto che la mappatura che Google voleva fare “violava i diritti delle persone in un milione di modi diversi”; molte telecamere di Google sono state vandalizzate e l’azienda ha ricevuto circa 244.000 richieste da tedeschi che chiedevano di oscurare le facciate delle loro case che erano state mappate.

READ  Germania, spara e uccide l'ex fidanzata e il fratello: un killer in fuga. "Motivo appassionato"

Il governo ha discusso a lungo su come proteggere la privacy dei tedeschi e allo stesso tempo rendere possibile la mappatura stradale di Google, e nel 2011 la Corte costituzionale tedesca si stabilì che scattare foto a livello stradale e metterle su internet non violava nessuna legge tedesca: di fatto, però, negli anni successivi la mappatura di Street View in Germania non è continuata, come in altri paesi europei. Il problema della privacy aveva creato resistenze anche in Austria, dove Google, però, ha iniziato a caricare immagini per Street View dal 2017.

Le leggi tedesche sulla privacy stabiliscono criteri molto restrittivi per il trattamento dei dati personali per la protezione delle persone. Secondo diversi osservatori, le regole attuali sono essenzialmente il risultato del trauma associato controllo delle libertà personali, esercitato prima dal regime nazista e poi da quello della DDR dal 1950 fino a poco dopo Caduta del muro di Berlino (1989). La Gestapo (Polizia di Stato Segreta, “Polizia di Stato Segreta”) che il Stasi (Ministero della Sicurezza dello Stato, “Ministero della Sicurezza di Stato”) erano infatti incaricati di monitorare tutti coloro che potevano rappresentare “un pericolo” per la nazione, come i dissidenti politici e le persone sospettate di simpatie antigovernative, ma anche i visitatori stranieri. Il diritto al rispetto della vita privata è praticamente inesistente e ogni trasgressione è punibile, nella migliore delle ipotesi, con intimidazioni o arresti.

Nel 1970, lo stato centrale dell’Assia è stato il primo a introdurre un legge sulla protezione dei dati personali e otto anni dopo fu emanata l’allora legge federale per la protezione dei dati dei cittadini della Germania occidentale. La legge più recente in questo settore è quella del 1990 (Legge federale sulla protezione dei dati), che tra il 2009 e il 2010 è stato modificato con alcune modifiche che stabiliscono tra l’altro obblighi e responsabilità in caso di violazioni da parte di enti pubblici e società private.

I risultati di a studio pubblicato nel 2015 da revisione aziendale di Harvard ha scoperto che l’80 per cento dei tedeschi è riluttante a condividere le proprie informazioni perché “vuole solo preservare la propria privacy”. Anche secondo questo studio i tedeschi sono particolarmente sensibili al tema della condivisione dei propri dati con il governo, e della diffusione dei dati relativi al proprio stato di salute, alla spesa con carta di credito e alla comunicazione via Internet.

– Leggi anche: Devi preoccuparti delle nuove regole sulla privacy di WhatsApp?

Venire aveva osservato ilEconomista Diversi anni fa, le leggi tedesche sulla privacy sembravano incompatibili con molti aspetti e servizi che sono diventati quotidiani ed essenziali nei paesi ricchi, ma sembra che le nuove generazioni siano più fiduciose nel condividere i propri dati in linea e quindi le cose sono destinate a cambiare.

Ci sono stati casi in cui le leggi sulla privacy hanno ostacolato la fornitura di servizi pubblici, in particolare di recente. All’inizio del 2021, ad esempio, si trovava nel nord-ovest dello stato della Bassa Sassonia grande confusione rispetto a chiamare persone con più di 80 anni per somministrare il vaccino contro il coronavirus. Le autorità statali si sono lamentate dell’impossibilità di accedere ai registri ufficiali dei cittadini a causa di ostacoli legati alla normativa sulla privacy e hanno quindi deciso di consultare la banca dati postale che, a loro avviso, rispettavano i criteri di protezione dei dati stabiliti dalla normativa. Ma ancora una volta, per motivi di riservatezza, il database di rilascio non sempre includeva le date di nascita delle persone, quindi i funzionari si sono trovati a dover indovinare se le persone da convocare avevano più di 80 anni, a seconda della lunghezza del loro nome. .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *