si adottano misure nazionali di emergenza – Corriere.it

Legge anti-Covid, critica agli stati federali

Ma il provvedimento, già firmato dal presidente della Repubblica Frank-Walter Steinmeier, è oggetto di forti critiche, sia da parte di chi lo ritiene insufficiente, sia di chi lo contesta. gravità eccessiva e il vulnus al federalismo. Le prime di Turingia, Meclemburgo e Schleswig-Hollstein, anch’esse votate a favore, attaccano il nuovo sistema, poiché nei loro Länder sono già in atto misure molto più restrittive. Ad esempio, nello Schleswig-Hollstein, le scuole sono già chiuse per un’incidenza di 150 nuove infezioni, mentre un coprifuoco più severo è in vigore da settimane, dalle 21 alle 5. Quella delle prime tre è una critica trasversale, in molti dei quali appartengono rispettivamente a Linke (Turingia), Spd (Mecklenburg) e CDU (Schleswig-Hollstein). Un altro primo ministro democristiano, Tobias Hans de la Saar, esprime seri dubbi sull’efficacia del trasferimento di poteri dalla periferia al centro: “Non credo che in questo modo si combatterà meglio la pandemia”. Le critiche al coprifuoco generalizzato sono state espresse da Verdi, Linke e dai liberali del FDP, che avrebbero preferito una versione meno severa e flessibile a seconda della situazione. “Perché vuoi mettere un coprifuoco da un’incidenza di 100, quando i bambini possono andare a scuola fino a quando l’incidenza non arriva a 165?” Da dove hai preso questi numeri? Ha chiesto il leader del gruppo Linke al Bundestag, Amira, Mohamed Ali. Il leader liberale Christian Lindner non ha escluso di presentare ricorso contro la nuova legge al tribunale di Karlsruhe per motivi di incostituzionalità.


Germania, terza ondata di tendenza

Mentre l’Istituto Robert-Koch ha riferito che nelle ultime 24 ore, esso Sono state registrate 29.550 nuove infezioni, con 259 decessi e un’incidenza settimanale di 161 nuovi contagi ogni 100.000 abitanti, il ministro della Salute Jens Spahn si è detto fiducioso che da giugno sarà possibile eliminare il criterio dei gruppi prioritari dal campagna di vaccinazione, aprendo così a tutti l’accesso alle amministrazioni. Il motivo è suo buona performance, che vede già vaccinati più della metà dei tedeschi over 60.

READ  Juventus-Napoli, si va verso il rinvio della decisione sul 3-0 al tavolo | notizia

La situazione in Germania: panoramiche

La Germania interviene per ottenere più dosi di vaccino

La Germania, tuttavia, si sta muovendo attivamente in tutte le aree per garantire nuove dosi di vaccino. Secondo il primo ministro della Sassonia, Michael Kretschmer, Berlino prevede di acquistare 30 milioni di dosi del vaccino russo Sputnik V, naturalmente non prima che l’EMA, l’Agenzia europea per i medicinali, abbia dato il via libera alla preparazione. La decisione è attesa per maggio. Kretschmer ha dato la notizia da Mosca dopo un incontro con il ministro della Sanità russo Michail Muraschko. Allo stesso tempo, una delegazione dell’EMA era nella capitale russa per incontrare esperti russi. Il cancelliere Merkel mercoledì ha criticato i paesi dell’UE che avevano già riservato dosi di Sputnik V anche prima che l’EMA ne consentisse l’uso.

22 aprile 2021 (modifica il 22 aprile 2021 | 17:13)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *