Perù, i giapponesi aspettano sette mesi la fine del blocco per visitare Machu Picchu: il sito riapre solo per lui

Il sogno – Jesse Katayama, un giovane giapponese, era determinato a vedere da vicino una delle sette meraviglie del mondo: il sito archeologico di Machu Picchu. Ma ha deciso di farlo durante la pandemia di Covid-19: il Perù è l’ottavo Paese al mondo per numero ufficiale di contagi di Sars-CoV-2, ci sono 849.371 con 33.305 morti.

Contenimento – Con l’improvviso aumento dei casi, le autorità hanno deciso di attivare un blocco a livello nazionale. Il 14 marzo, alla vigilia dell’inizio della quarantena, il ragazzo si era trasferito nel vicino villaggio di Aguas Calientes e vi era rimasto. per sette lunghi mesi, determinato a voler raggiungere il suo obiettivo.

La realizzazione – L’11 ottobre le autorità di Cusco gli hanno permesso di esserlo il primo turista straniero ad entrare a Machu Picchu dall’inizio della pandemia.

“Volevo vedere questo sito archeologico, ma un giorno prima, il santuario ha chiuso a causa della pandemia. Mi sono ritrovato al solo scopo di visitare questa meraviglia e non volevo andarmene senza averlo fatto “, ha detto il giovane giapponese a un quotidiano peruviano.

“Il nostro fratello giapponese è rimasto a Machupicchu Pueblo (nome ufficiale di Aguas Calientes) e dopo una lunga attesa è stato finalmente in grado di realizzare il suo sogno tanto atteso. È un esempio di come coordinarsi tra le istituzioni per raggiungere un obiettivo comune. “si legge in un messaggio su Facebook della Direzione Generale del Commercio Estero e del Turismo di Cusco.

READ  "Giuseppe Conte terrorizzato e dpcm già morto, nuove misure questo fine settimana" - Libero Quotidiano

La riapertura – Il sito archeologico deve riapre ufficialmente ai turisti a novembre, dopo un primo tentativo fallito a causa della rapida crescita di infezioni nella regione di Cusco, dove si trova la cittadella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *