pioggia invece di neve e prati alpini verdi

pioggia invece di neve e prati alpini verdi

Le Alpi si sono già riscaldate di circa 2 gradi negli ultimi cento anni, il doppio della media globale, secondo l’Agenzia europea dell’ambiente. Questo riscaldamento molto rapido è in parte dovuto alla scomparsa della neve riflettente e dei ghiacciai: le superfici scure assorbono più calore delle superfici chiare. Le precipitazioni nelle zone montuose dovrebbero aumentare, ma cadranno sempre più sotto forma di pioggia piuttosto che di neve. Per ogni grado di riscaldamento, il limite della neve sale di circa 150 metri, secondo l’agenzia europea.

Gli effetti sono facilmente misurabili sulle Alpi, come dimostra ad esempio uno studio su larga scala nel 2021 con i dati di duemila stazioni di misurazione, distribuite su tutta la catena montuosa. Sotto i 2.000 metri c’è in media circa un mese in meno di neve rispetto agli anni ’70, secondo la pubblicazione sulla rivista specializzata La criosfera. Ad altitudini più elevate fa così freddo che si notava una piccola differenza.

Le montagne sono luoghi in cui le conseguenze del cambiamento climatico si materializzano in una fase precoce. “Il cambiamento climatico è la mia professione, ma ora sta diventando personale”, ha scritto su Twitter il professore di fisica climatica Reto Knutti dell’ETH di Zurigo. con una foto della montagna dove ha imparato a sciare da bambino. Attualmente c’è solo una sottile striscia di neve.

READ  Duello TV remoto Trump-Biden - Il mondo ha inizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *