Più sai di un problema, meno è grave

Più sai di un problema, meno è grave

A un esame più attento, quasi tutto non è poi così male. Questa è la lezione che dovresti imparare come giornalista scientifico da tutte le storie di disastri climatici, ambientali e sanitari. L’importante è che tu lasci passare l’hype e che l’argomento di tale hype continui a seguire nella letteratura scientifica.

Quante apocalissi previste sono scomparse dalla vista nell’ultimo decennio? Irresistibile disgelo del permafrost, eruzione esplosiva di idrati di gas nei fondali marini, brusco arresto della Corrente del Golfo dell’Atlantico, il Polo Nord libero dai ghiacci entro pochi annila calotta glaciale dell’Antartide occidentale che scivola direttamente nel mare, la morte acuta della Grande Barriera Corallina: una migliore ricerca scientifica mostra che tutto questo è molto più sfumato. Darò al massimo un anno al collasso della natura olandese dovuto all’azoto.

Un’altra catastrofe globale che dobbiamo affrontare è che le specie animali e vegetali non riescono a tenere il passo con il cambiamento climatico. A causa dei cambiamenti climatici, le aree in cui una certa specie trova condizioni di vita ottimali si sposteranno. È più caldo nella posizione originale e più umido o più secco, quindi una tale specie deve migrare più lontano dall’equatore.

Le organizzazioni per la conservazione affermano che questi cambiamenti sono così significativi – da decine a centinaia di chilometri nel corso di questo secolo – che piante e alberi non saranno in grado di tenere il passo. Per salvare ciò che può essere salvato, sarà necessario avviare trapianti naturali su larga scala in nuove riserve naturali.

In pratica, questo non sarà possibile in gran parte del mondo, semplicemente perché quel Paese è già utilizzato per altro. Non si limita a licenziare una città di milioni. Così, il cambiamento climatico diventa uno dei principali colpevoli della sesta grande ondata di estinzione nella storia della terra.

READ  La Turchia accetta ancora l'adesione alla NATO Svezia: 'Un passo storico' | All'estero

Causa: modelli semplicistici

Tuttavia, è dubbio che un articolo apparso questa settimana in Cambiamento climatico naturale sarà accolto con giubilo dal movimento ambientalista. Due ricercatori britannici calcolano che, a un esame più attento, questi cambiamenti climatici sono più di cento volte più piccoli di quanto si pensasse in precedenza. Ciò significa che in ogni caso, la natura “aperta” sulla terra (le fitte foreste non sono state incluse nello studio) non deve spostarsi a causa dei cambiamenti climatici e può adattarsi in gran parte a livello locale.

Questa diminuzione di un fattore cento è il risultato di un fenomeno noto ma onnipresente: i modelli semplicistici. I ricercatori lo hanno dimostrato calcolando tre volte il cambiamento climatico di oltre duecento specie vegetali in Europa negli ultimi 25 anni: prima nel solito modo grezzo, con un modello climatico con una risoluzione di circa 50 chilometri, poi con un modello con una risoluzione di 5 chilometri per la Gran Bretagna, e ancora per una piccola penisola britannica con una risoluzione di 100 metri.

Microclima

Un modello che ‘vede’ i dettagli anche da 100 metri tiene conto del microclima, molto più determinante per il benessere delle piante rispetto al clima medio su un’area molto più ampia. Le specie si insediano nei loro luoghi preferiti, riparati o meno, su un pendio di montagna esposto a sud o meno, ecc.

Nell’analisi più cruda, i cambiamenti climatici di queste oltre duecento specie sembrano essere di circa 14 chilometri, con valori anomali fino a sessanta chilometri. Nell’analisi più accurata, è di circa 0,1 chilometri, con valori anomali fino a otto chilometri. Quest’ultima analisi è anche di gran lunga quella che meglio corrisponde ai dati effettivi sugli attuali habitat di queste specie.

Impatto minaccioso di un meteorite

Quindi anche questo è fantastico. In termini di natura, ambiente e clima, non l’ho mai vissuto diversamente: una migliore ricerca rende i problemi meno gravi. È una regola empirica che ha dimostrato di essere sorprendentemente solida. Gli attivisti per il clima vivono in uno stato permanente di eccitazione nervosa e paura mentre ricevono clamore dopo clamore dai media, senza mai arrivare alla ricerca adeguata che segue il clamore.

READ  Argento di alta qualità scoperto in Marocco

La mia fiducia che ulteriori ricerche conterranno ancora il panico iniziale può essere illustrata da qualcosa che, oltre al cambiamento climatico, ha il potenziale per spazzare via l’umanità: l’impatto di un grande meteorite. La NASA annuncia regolarmente la scoperta di un altro pezzo di spazzatura spaziale che potrebbe benissimo colpire la Terra nel 2037 o nel 2108. Per questo esempio sto usando numeri fittizi e l’immagine qui sotto è solo a scopo illustrativo.

Inizialmente, non sono noti dati orbitali precisi per un tale corpo celeste X scoperto il 1° gennaio. Il primo calcolo di ciò che accadrà nei prossimi decenni è quindi impreciso. Questo calcolo fornisce quindi un’ampia distribuzione di probabilità (la nuvola viola nell’immagine), la stima migliore è che X passa davanti alla Terra a mezzo milione di chilometri. Ma poiché la Terra è in questa nuvola viola di incertezza, c’è ancora, diciamo, una probabilità dello 0,3% che X colpisca la Terra.

Due mesi dopo, ci sono già più osservazioni di X, quindi dati orbitali migliori, quindi la distribuzione di probabilità (la nuvola arancione) è più stretta. Quattro mesi dopo, questi dati orbitali sono ancora più precisi, quindi la distribuzione di probabilità diventa ancora più stretta (la nuvola gialla). Il 1° marzo, la migliore stima è che X sparerà a 300.000 chilometri oltre la Terra, più vicino della nostra migliore stima del 1° gennaio. Ma poiché la Terra si trova nel bordo esterno appena visibile di questa nuvola arancione, la probabilità di un impatto è solo dello 0,03%.

Bizzarra attrazione di scenari di disastro

Infine, il 1° giugno, la Nasa può riferire che il micidiale proiettile X sta superando la Terra a soli 150.000 chilometri di distanza, ma le osservazioni sono ora così precise che la probabilità di un impatto è 0: la Terra è ben oltre la nuvola gialla. Pertanto, anche se la migliore stima del passaggio di X si avvicina sempre di più alla Terra, il rischio di impatto potrebbe diminuire sempre di più.

READ  Coronavirus nel mondo: contagi, aggiornamenti e tutte le novità della situazione

Ora si passa alla filosofia della scienza, ma la vedo come un utile modello per la scienza in generale: all’inizio, quando si ha solo una conoscenza molto ampia, l’insieme di circostanze più estreme, più pericolose è ancora nei limiti di il possibile.

Man mano che la nostra conoscenza aumenta, questi margini si restringono sempre di più, così che la catastrofe è quasi sempre esclusa.

Sfortunatamente, la politica in particolare sembra avere una bizzarra attrazione per scenari di disastri così obsoleti.

Giornalista scientifico Arnold Jasper è l’autore più venduto “La trappola dell’azoto”. Le sue colonne appaiono ogni sabato nella settimana di Wynia.

Nel mese di giugno 2023 andare Arnout Jaspers in tournée nei Paesi Bassi lungo hall, eventi, locali e librerie. Le organizzazioni interessate possono contattare [email protected].

La settimana di Wyniaappare 104 volte all’anno con rapporti indipendenti ed essenziali che sono liberamente disponibili per tutti. I donatori lo rendono possibile.Ci stai?Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *