“Pomiamo acqua ed emergono cadaveri” – Corriere.it

di Elena Tebano

Il Paese sta sprofondando nel fango, più di 100 morti e migliaia di sfollati. Intere comunità distrutte. Erftstadt, cittadina a 20 chilometri da Colonia, ha già raggiunto un fronte lungo diverse centinaia di metri

COLONIA – Quando l’acqua viene svuotata dalle cantine, le vittime continuano ad emergere. Non posso commentare quante persone incontreremo. Ma è già un disastro. Le brevi osservazioni del ministro degli Interni della Renania-Palatinato, il socialdemocratico Roger Lewentz, danno la parola al Lo sgomento composto e incredulo con cui ieri i tedeschi si sono svegliati. La tua Terra, insieme al Nord Reno-Westfalia, più colpiti dalle inondazioni nella Germania occidentale West, una delle regioni più ricche del Paese, dove tra mercoledì e giovedì sono scesi a 150 litri di pioggia per metro quadrato in 24 ore. Uno specchio d’acqua che gonfiava i placidi ruscelli oltre ogni immaginazione che si aggirano per le campagne della regione, rinomata località turistica famosa per le colline dell’Eifel e per la produzione di vino, e ha trasformato le strade in rapide, portando con sé tutto ciò che riusciva a trovare.

L’acqua continua ha fatto scompiglio anche ieri mattina, quando la collina su cui si trova la frazione di Blessem, a Erftstadt, cittadina a 20 chilometri da Colonia, ha già raggiunto un fronte lungo diverse centinaia di metri. Il fiume che il giorno prima aveva dato il nome al paese aveva rotto gli argini, più in alto, e l’acqua ha invaso la cava di ghiaia ai piedi della collina. Continuò ad affondare ad alta velocità per tutta la notte, consumando i fianchi come una lima, finché il bordo della collina cominciò a sgretolarsi ea sgretolarsi. Finora ha portato con sé tre case e parte dello storico castello di Erftstadt-Blessem.. Ma ci possono essere altri fallimenti. C’è almeno un morto, ma le vittime potrebbero essere più numerose. L’area è ancora difficile da raggiungere e la situazione non è chiara, ha detto all’emittente tedesca l’amministratore del distretto di Rhein-Erft Frank Rock (CDU). N-tv. Ieri sera siamo riusciti a far uscire 50 persone dalle loro case. Sappiamo di 15 persone che non erano ancora state salvate, ha aggiunto. un disastro come non abbiamo mai avuto prima.

READ  Yuriy, il 15enne francese picchiato con le sbarre era "noto alla polizia per atti di violenza". C'è la paura di regolare i conti tra le bande

Ieri le strade di molti paesi e città erano cumuli di fango e detriti, auto accartocciate incastrate agli angoli delle strade e quelli che erano cortili. A Singiz, un villaggio sulla riva occidentale del Reno, 25 chilometri a sud di Bonn, l’ex capitale tedesca, l’acqua ha invaso un rifugio per disabili, uccidendo 12 persone. Un ospite della struttura è rimasto appeso alla finestra per quattro ore, mentre i vicini lo hanno sentito urlare senza poter fare nulla, prima di essere soccorso dai soccorritori a bordo di una barca.

Allagamento tubi strappati, collegamenti elettrici tagliati, telefoni e cellulari. Manca il gas anche nel distretto di Ahrweiler in Renania-Palatinato. Il gasdotto è stato completamente distrutto, ha detto il portavoce della società regionale di Coblenza Energienetze Mittelrhein. Diversi chilometri di tubi sono stati irrimediabilmente danneggiati e dovranno essere ricostruiti. Ci vorranno settimane o mesi prima che ritorni la fornitura di gas. Per i cittadini questo significa: acqua fredda, e quando arriva la stagione del riscaldamento, anche appartamenti freddi. Ieri almeno 100.000 persone erano ancora senza elettricità. Dalle radio delle emittenti regionali arrivano richieste di aiuto: si cercano generatori di elettricità, vestiti, alloggi per chi ha perso la casa.

La sensazione di impotenza è la sensazione che si presenta più spesso nelle storie dei sopravvissuti all’alluvione in questo angolo di Germania abituata alla prosperità, dove non ci aspettavamo di vivere in modo così drammatico e diretto le conseguenze del riscaldamento globale, tema che fino ad ora ha animato solo i dibattiti elettorali televisivi. L’illusione a Schuld, 700 abitanti, è scomparsa in 15 minuti, il tempo in cui l’acqua ha allagato le case. Il fiume Ahr, che di solito alto un metro, è salito a otto. Caravan e auto sono state spazzate via, alberi sradicati, case demolite. Viviamo qui a Schuld da oltre 20 anni e non abbiamo mai visto niente di simile, dice all’agenzia. Dpa Hans-Dieter Vrancken, 65 anni.

READ  Turchia, si fa un selfie con la moglie incinta e poi la butta giù dal dirupo - Libero Quotidiano

Cornelia Schlsser, 50 anni, gestisce il panificio Schuld, attivo da oltre un secolo. completamente distrutto. Adesso al posto della vetrina ci sono rottami metallici, vetro, legno e cemento, un groviglio di rami che sporge. Stiamo vagando qui ma non c’è niente che possiamo fare, le ultime 48 ore sono state un incubo. è stato terribile non poter aiutare le persone helpha detto Frank Thel a Reuters. Ci salutarono dalle finestre. Le case crollavano a destra e a manca e nelle case in mezzo ci salutavano con la mano. Siamo stati fortunati, siamo sopravvissuti.

16 luglio 2021 (modificato il 16 luglio 2021 | 22:16)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *