Potrebbero esserci altri due casi del misterioso disagio chiamato “Sindrome dell’Avana”, ma a Washington

La Casa Bianca e alcune agenzie federali statunitensi indagheranno su due possibili casi nel territorio degli Stati Uniti di un misterioso malessere simile a quello che, dal 2016, ha colpito alcuni diplomatici americani e 14 diplomatici canadesi nella capitale di Cuba, L’Avana (e per questo spesso chiamata la “sindrome dell’Avana”). Si dice che i due casi si siano verificati nel 2019 e nel 2020: il primo inizialmente Narrato da GQ lo scorso ottobre e si è svolto nei pressi della capitale statunitense Washington; il secondo è stato scoperto lo scorso novembre a Washington, vicino alla Casa Bianca.

I sintomi del misterioso disagio includevano mal di testa, affaticamento, nausea, disturbi della vista, udito ed equilibrio e in alcuni casi problemi di memoria. Lo scorso dicembre, un rapporto del governo degli Stati Uniti ha rilevato che l’esposizione “diretta” e “intermittente” alle onde elettromagnetiche ad alta frequenza era la causa “più plausibile” di disagio. Oltre ai diplomatici a Cuba, i disordini hanno colpito anche alcuni diplomatici in Cina, per un totale di 40 dipendenti del governo degli Stati Uniti tra il 2016 e il 2018.

Alcune fonti vicine alle indagini loro hanno detto a CNN che le agenzie federali su cui stanno indagando non hanno tratto conclusioni chiare su quanto accaduto, ma che i casi avvenuti vicino alla Casa Bianca sarebbero di particolare preoccupazione.

READ  Variante indiana, l'Italia chiude gli aeroporti. Nuova Delhi senza ossigeno, arrivano gli aiuti internazionali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *