Privatizzazione delle Poste, sul mercato fino al 29 per cento. Ecco la quota riservata a … – Il Sole 24 ORE

Privatizzazione delle Poste, sul mercato fino al 29 per cento. Ecco la quota riservata a … – Il Sole 24 ORE

Il processo di cessione della seconda tranche di Poste Italiane compie un nuovo passo importante con l’invio del decreto della presidenza del Consiglio dei ministri alle commissioni competenti del Parlamento per il parere. Secondo quanto stabilito, la quota dello Stato nel capitale di Poste Italiane non potrà essere inferiore al 35%, e la cessione sarà preferibilmente rivolta a risparmiatori, dipendenti e investitori istituzionali.

Si prevede che l’offerta pubblica di vendita sarà aperta sia agli investitori istituzionali che al retail, confermando la presenza di iniziative di incentivazione per gli investitori retail. L’operazione di cessione della quota del 29% di Poste potrebbe avvenire in autunno, ritardando così la prevista primavera.

L’obiettivo principale di questa operazione è quello di aumentare la partecipazione di investitori privati nel capitale di Poste Italiane, garantendo al contempo una presenza significativa dello Stato. Si tratta di una mossa strategica per favorire lo sviluppo e la competitività dell’azienda, consentendo anche il miglioramento dei servizi offerti ai cittadini.

Resta da vedere come si evolverà la situazione nelle prossime settimane e quali saranno le reazioni da parte degli investitori e dei mercati finanziari. In ogni caso, la cessione della seconda tranche di Poste Italiane si prospetta come un’operazione di grande rilevanza per il futuro dell’azienda e del settore postale in Italia.

READ  Le Borse oggi, 20 dicembre. Mercati in calo - la Repubblica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *