Procuratore francese: i sospetti hanno sparato a stranieri odiosi |  All’estero

Procuratore francese: i sospetti hanno sparato a stranieri odiosi | All’estero

Il francese sospettato di aver sparato a tre persone a Parigi ha confessato un odio “patologico” per gli stranieri, secondo la procura francese. L’uomo ha anche ferito altre tre persone in un centro culturale curdo venerdì. Sabato è stato trasferito in un istituto psichiatrico della polizia.

Il sospettato ha prima affermato di voler uccidere persone nel sobborgo di Seine-Saint-Denis, a nord di Parigi, dove vivono molti immigrati. Ma poiché non c’era abbastanza gente per le strade, ha deciso di andare in un quartiere della capitale dove vivono molti curdi.

L’uomo ha detto che era depresso e suicida. Secondo l’accusa, aveva intenzione di suicidarsi dopo l’attacco. Il suo odio per gli stranieri sarebbe stato causato da un furto con scasso a casa sua nel 2016. Era noto alla polizia. I media francesi hanno riferito che l’anno scorso ha attaccato un campo di migranti con una spada.

Il ministro dell’Interno francese Gérald Darmanin aveva precedentemente affermato che l’autore “voleva chiaramente attaccare gli stranieri” e il presidente Emmanuel Macron ha annunciato venerdì che la comunità curda era l’obiettivo dell’orribile attacco. Il sindaco Anne Hidalgo ha annunciato via Twitter che l’uomo è un attivista di estrema destra.

La comunità curda era indignata per l’attacco e sentiva che i servizi di sicurezza francesi avevano fatto troppo poco per impedirlo. Venerdì e sabato sono scoppiati scontri tra manifestanti e polizia. 31 agenti di polizia e un attivista sono rimasti feriti, undici persone sono state arrestate.

READ  Un turista ucciso e diversi feriti in un attacco automobilistico a Tel Aviv | All'estero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *