Putin e Xi vogliono il proprio ordine, con il proprio scenario

Putin e Xi vogliono il proprio ordine, con il proprio scenario

Era il salmone siberiano? Zuppa di storione? O cervo con salsa di ciliegie? Dopo un banchetto di stato a Mosca, martedì il presidente cinese Xi Jinping ha salutato amichevolmente il suo ospite. “Adesso stanno avvenendo cambiamenti che non vedevamo da cento anni”, ha detto dalla porta. “E insieme stiamo apportando questi cambiamenti.”

Attraverso una classica visita di Stato, Cina e Russia hanno sottolineato la loro volontà di riavvicinarsi. La Russia potrebbe usare un amico nel confronto con l’Occidente sull’Ucraina. La Cina è alla ricerca di partner per respingere gli Stati Uniti. Perché, ha detto di recente Xi, cercano di limitare l’influenza internazionale di Pechino.

Due giorni dopo, António Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite, è stato invitato a pranzo con i capi di governo europei. Le decisioni difficili non erano all’ordine del giorno. L’incontro di Bruxelles è stato anche una dimostrazione di solidarietà.

I leader dell’UE e António Guterres hanno ribadito l’importanza del multilateralismo, della cooperazione tra più Stati secondo regole generalmente accettate. Il multilateralismo limita il potere dei grandi paesi e dà spazio ai piccoli paesi. L’UE è un classico esempio di multilateralismo. Guterres è il leader del multilateralismo globale.

“Siamo i campioni del multilateralismo ea volte ci sentiamo soli”, ha detto un alto funzionario dell’UE sullo scopo della visita. “Penso che anche Guterres si senta solo, a volte.”

Il multilateralismo è l’unico modo per affrontare i problemi globali. L’ufficio per la scienza del clima delle Nazioni Unite ha dimostrato ancora una volta questa settimana che l’azione per il clima è di vitale importanza. I bambini nati oggi sperimenteranno un caldo estremo nel corso della loro vita.

READ  Il presidente del Perù revoca il "coprifuoco" in un giorno dopo le persistenti proteste

Con la guerra in Ucraina, il confronto tra Cina e Stati Uniti e l’ascesa di stati autoritari, il multilateralismo è in difficoltà. Il sistema di consultazione internazionale del dopoguerra ha potuto concretizzarsi perché una potenza mondiale ha sostenuto il sistema come uno zio benevolo e per interesse personale: gli Stati Uniti.

Cina e Russia non accettano più la supremazia americana e da tempo si rifiutano di credere in questo ordine mondiale. Vedono un mondo in cui emergono molteplici centri di potere, un mondo multipolare. Inoltre non soddisfano più i vecchi standard.

Putin ha infranto queste regole con l’invasione dell’Ucraina. Xi questa settimana ha onorato un leader che non solo ha invaso uno stato indipendente, ma è stato oggetto di un mandato di arresto internazionale emesso dalla Corte penale internazionale giorni prima. La Russia avrebbe commesso crimini di guerra deportando bambini ucraini. Su iniziativa della Polonia e in collaborazione con l’Onu, l’Ue, ha annunciato giovedì la presidente della Commissione Ursula von der Leyen, convocherà una conferenza internazionale con l’obiettivo di ritrovare i 16.200 bambini deportati.

Leggi anche: I colloqui di Xi con Putin ovviamente non avvicinano la pace in Ucraina

Mentre l’ordine esistente viene difeso a Bruxelles, Xi e Putin stanno costruendo un’alternativa. Cina e Russia, hanno concordato in una dichiarazione dettagliata, vogliono cooperare in ogni campo immaginabile: tecnologia, energia, materie prime, volontariato, soccorsi in caso di calamità, oncologia, psichiatria, sport, spedizioni polari, navi oceaniche, programmi televisivi.

L’abbraccio sembrava intimo, ma rimangono partner dei propri interessi. I negoziati su un nuovo gasdotto per portare il gas russo in Cina non sono ancora conclusi, probabilmente perché la Cina vuole imporre condizioni più favorevoli a una Russia che ha poche opzioni.

READ  Gli Stati Uniti e la Francia inviano mini-carri armati in Ucraina

Alcuni analisti hanno ritenuto che la Russia si sia svenduta alla Cina al vertice: Mosca fornisce materie prime, tra le altre cose, ma riceve poco in cambio. Putin “ha promesso il Cremlino a Pechino”, ha scritto su Twitter l’esperto russo Sam Greene.

La dichiarazione sino-russa si legge anche come guida a una visione autoritaria del mondo. Mosca e Pechino vedono una “profonda trasformazione dell’architettura internazionale” con la “crescita di un certo numero di potenze regionali” che vogliono difendere i loro “legittimi interessi”. Si oppongono a paesi che “usano la democrazia e la libertà per fare pressione su altri Stati”. Chiamano l’opinione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden secondo cui esiste concorrenza tra democrazia e autocrazia una storia falsa.

Vogliono il loro ordine, con la loro storia. Scrivono, senza negare, che sono attaccati alla pace. E si concedono grande libertà con il concetto di democrazia. Ad esempio, sostengono una “democratizzazione delle relazioni internazionali”. Se Putin lo prende alla lettera e segue la maggioranza alle Nazioni Unite, domani dovrà lasciare l’Ucraina.

Nonostante visioni del mondo contrastanti, le consultazioni internazionali non sono completamente ferme. Ad esempio, alcuni leader europei si stanno preparando a volare a Pechino. Uno di loro è il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell. Ha visto uno Xi a Mosca questa settimana che “vuole presentarsi come qualcuno che può svolgere un ruolo diplomatico”, ha detto venerdì a un gruppo di giornalisti. “Ecco perché la Cina parla di amicizia illimitata con la Russia, ma non vuole essere coinvolta militarmente con l’Ucraina. La Cina deve usare la sua influenza per far capire alla Russia che questa guerra non va da nessuna parte e che deve ritirare le sue truppe.

READ  Alleanza americano-europea in pericolo? Dai la colpa ai talebani

Per quanto riguarda Borrell, la Cina non ha ancora attraversato alcuna linea rossa in Ucraina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *