“Quelli che…” conclude la storia di una morte annunciata

Un decesso annunciato quello di “Quelli che…” che, giovedì 2 dicembre, si è tristemente congedato di telespettatori con un esiguo share del 2,3% e nemmeno 500.000 spettatori. Una chiusura definitiva per lo storico programma di Rai2 che sin dalla sua nascita nel 1993 con Fabio Fazio e Marino Bartoletti era diventato un vero cult della televisione, capace di dare al calcio quella sana profanazione che è sempre mancata in tanti programmi sportivi, fucina inesauribile di comici ma anche laboratorio sperimentale capace di reinventare personaggi famosi dando loro una nuova identità o creare nuovi nuovi, Suor Paola alla Juventus Idris, dal commentatore Everardo Della Noce al conduttore Luciano Rispoli e all’astrologo Peter Van Wood, a matador del calibro di Teo Teocoli e Anna Marchesini.

Poi i 10 anni di gestione made in Simona Ventura, la più anziana: più risate, più successi, a dimostrazione, se ce ne fosse ancora bisogno, che il calcio non è solo un affare da uomini. Talenti come Ubaldo Pantani, Lucia Ocone, Max Giusti, Maurizio Crozza si affermano e si esaltano. E qui Victoria Cabéllo e la sua verve rafforzata dal Medusa Trio. E ancora a Nicola Savino e Gialappa. Fino all’attuale tripartito, inaugurato nel 2017. I conduttori Mia Ceran e Luca e Paolo si sono congedati senza fare troppi discorsi e senza lanciarsi in addii polemici o piagnucoloni ma sono bastati i loro volti per capire il vero stato d’animo:” Ringraziamo il nostro pubblico, i lavoratori e la produzione Rai, il nostro gruppo, tutti i professionisti che hanno permesso di andare in onda con il loro lavoro”. Quelli che…” vi salutano e vi augurano un meraviglioso Natale”.

Una fine prematura che lascia l’amaro in bocca e qualche domanda: morte naturale o delitto? Certo, la scelta dell’ex dirigente di Rai2 di spostare lo storico varietà in salsa pallina da domenica pomeriggio a prima serata di lunedì aveva sorpreso tutti e spiazzato i telespettatori. È vero che per tanti anni la Rai aveva perso i diritti sulle partite di Serie A, è vero che il campionato di calcio si è pian piano trasformato in una cazzata settimanale, che partiva la domenica pomeriggio senza il richiamo di una volta, ed è vero che prima Sky e poi Dazn si è gradualmente impossessato dei tifosi più attenti. Ma è anche vero che “Quelli che il calcio” ha continuato a mantenere vivo l’interesse dei telespettatori con il suo mix leggero di satira, imitazioni e aggiornamenti sportivi.

READ  "Che banalità" - Libero Quotidiano

Il debutto del lunedì sera avviene il 4 ottobre, ma il destino sembra già segnato. Cosa succede a un programma costretto a cambiare la sua ragion d’essere? Costretto a reinventare una formula? Costretto a fare a meno del calcio ea competere con le corazzate in prima serata basate su fiction e reality TV in prima visione? Sradicato da questa posizione in allegato che era anche il suo nome commerciale? Infine, anche costretto a cambiare titolo e rinominarsi “Quelli che il monday?” I voti calano visibilmente e così dopo sole tre settimane ecco l’ultimo viaggio. Quello intorno a giovedì. Altro cambio di titolo: a questo punto diventa solo “Quelli che…” e questa volta i puntini potrebbero suggerire tante continuazioni della frase, proprio come faceva Enzo Jannacci nel tema storico del programma che aggiornava ogni settimana. Quelli che sembrano condannati da scelte rischiose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *