quello che Conte non dice “

Collega Palmeri su TMW: Nights of Champions Cups, è sempre un piacere fisico scriverlo e leggerlo, e poi quando è una notte è una finale anticipata, così come un replay di una finale, allora la tazza brilla di smalto davanti a te. E se non bastasse, sarebbe stato anche il 36esimo Cristiano Ronaldo / Messi della nostra storia, ma dovremo aspettare un mese. Cristiano Ronaldo guarda dal divano di casa e non potrà aggiustare il conteggio di 10 vittorie per lui, 16 per Messi e 9 pareggi, con 19 gol di CR7 e 22 di Leo. Dal loro primo incontro nel 2008, non sono mai passati più di un anno senza incrociarsi, ma spero che questa volta saranno almeno due anni e mezzo dall’ultimo il mondo non basta tra loro.
Quindi tutta la luce è presa dagli scudi di Juventus e Barcellona, ​​e tutto il peso è preso da Andrea Pirlo. Che nella finale di Berlino contro il Barça ha avuto il suo ultimo annuncio bianconero, conclusosi con lacrime rarissime per lui.
Il Maestro non penserà a questa notte, o forse un po ‘sì, ma certamente ha in mente altre preoccupazioni. Perché in questo momento questa Juve non gioca niente. Non ha un vero progetto, ha schizzi su carta che vengono provati, ma si è affidato più a lampi di mezzaluna. Ovviamente, l’apprendimento è solo all’inizio e puoi facilmente dare a un progetto un mese in più in poche parole. Anche se comincia a preoccuparsi che, al netto delle assenze, dopo un mese e mezzo non si osserva nemmeno un piccolo miglioramento. Pirlo ha giustamente fatto fare brutta figura ai giornalisti in conferenza stampa, dicendogli che non si sono mai accorti che in quei 45 giorni ha giocato 4: vero, in parte, perché la Juve difende con un 4-4-2, e attacca con 3-5-2, concetti basilari, e poi il punto è l’ordine in cui i reparti si muovono insieme, e questo manca disperatamente.
Puoi vincere con il Barcellona? Certo, perché parliamo della Juve, ma oggettivamente è molto, molto complicato.
La Juve, tranne nei primi 60 minuti della prima giornata contro una Samp non ricevuta, non ha mai imposto una partita.La trasferta a Kiev ha lasciato sicurezza, ma anche il sospetto che la Dinamo fosse poco più che un partner di formazione. Non ha né la voglia né la determinazione di imporre la Juventus per il momento, figuriamoci il Barcellona. Ma è proprio l’apprezzamento di questi limiti che può ribaltare il pronostico: se riesce a fare un gioco epico di sofferenza (e da questo punto di vista la presenza di Bonucci è fondamentale) allora vincerà. Qualcosa di simile al Napoli negli ottavi di finale dello scorso anno, forse con un baricentro più basso ma con linee strette per non lasciare spazio di manovra ai poseurs, e con le fasce di Chiesa e Kulusevski pronto a far male. È possibile.

READ  Milan, il girone più difficile con le trasferte meno difficili: ricordi di Celtic e Lille dalla 7ª Champions. Dida in Scozia, a Praga ... | Prima pagina

Ma alla Juventus in questo momento l’intensità del pressing, le linee tese e la fase difensiva generale non si sono mai viste. Forse la grande notte ispirerà il sacrificio, ma oggi ciò di cui abbiamo bisogno è esattamente ciò che mancava.

E il Barcellona si è svegliato molto più forte di ieri. Innanzitutto, perché un Clasico ha giocato in modo deludente ma perdeva sempre con diverse recriminazioni, non ha lasciato una zebra vacillante come Juve sembrava post-Crotone e Verona, ma una bestia ferita e arrabbiata.
E soprattutto perché la rosa, i grandi capi e le star hanno ottenuto ciò che volevano. La testa di Bartomeu è rotolata, dimettendosi a sorpresa martedì sera per evitare la vergogna del voto di sfiducia. Questo è ciò che Messi, Pique, Jordi Alba, Busquets e il resto del nucleo storico invocavano da anni senza successo. Quindi immagina quale sarà l’atmosfera a Barcellona: la voglia di dimostrare al mondo che avevano ragione, la vittoria dell’orgoglio, l’entusiasmo di chi è finalmente libero di conquistare il mondo.
Finora il Barca ha solo alternato bellezza in questo mese e mezzo, ma le intenzioni di Koeman possono essere viste sullo sfondo, anche se si sviluppano alla metà della velocità necessaria. Ma puoi star certo che Messi ci darà un pensiero speciale per aver vandalizzato la casa di Cristiano mentre è lasciata incustodita.

L’Inter invece si sta svegliando più debole. E non solo per i poveri 2 punti in 2 partite di Champions League. Che col senno di poi, se le prestazioni andassero giudicate, dovrebbero lasciare fiducia: perché l’Inter ha avuto uno splendido e sfortunato 45 minuti seguito da una seconda parte normale e breve in termini di prestazione. nel complesso con pochissime lamentele. Ma siccome Totò sapeva quello che diceva quando diceva che è la somma a fare il totale, quindi quando abbiamo già lasciato 2 punti in trasferta contro il Gladbach, abbiamo perso il derby, e dobbiamo ancora trovare la piazza. , insomma, solo un secondo tempo normale non te lo puoi permettere se non hai ancora segnato.
Quindi sì, l’Inter è più debole, perché sembra incapace di essere determinata. E la determinazione è onestamente tutto. L’Inter in queste 7 partite ha vissuto momenti di bellezza, momenti di furore, momenti di implacabilità. Ma la grinta che ti fa chiudere le partite con Lazio, Gladbach, Milan e Shakhtar non l’ha mai avuta. E senza quello, tutto il resto è inutile, o almeno non sa dove stare.
E sinceramente, se c’è un uomo che può portarti alla determinazione, è Antonio Conte. Lo è, o lo sarebbe. Perché sembra che il fuoco sacro gli sfugga. Non c’è modo che Andonio ingoia quattro partite come queste in meno di un mese senza dire una parola, senza sconvolgere spogliatoi e anime, accettando lo status quo. Non è solo Antonio Conte. E poiché nessuno può essere ciò che non è, allora qualcosa non va.
Sembra che gli abbiano detto, come ha confermato alla conferenza, che dovresti goderti il ​​viaggio e non aspettare di arrivare a destinazione. Adesso Antonio Conte non si è goduto il viaggio nemmeno quando da bambino lo portavano dalla casa alla gelateria in calzoni di tela. Conte deve essere libero di fare la rivoluzione per la quale è stato chiamato, ferro e fuoco, altrimenti è solo un modo e si indebolisce. Ma gli hanno detto che doveva approfittarne, e si stava violentando per accettarlo, anche se ha macerato dentro perché capisce che non è così.
Era l’estate 2013, e dopo non aver perso una partita estiva contro l’Inter negli Stati Uniti, in conferenza stampa Conte ha risposto alle critiche dicendo: “Il mio presidente no. ha chiesto di vincere questa sfida, mi ha dato altri obiettivi per la stagione. E quindi uso questa sfida per quegli obiettivi, non mi interessa il risultato. Quando il mio presidente mi chiede di vincere questa sfida estiva, “preoccupati”.
Ecco, non si vorrebbe che l’Inter, quest’estate, desse a Conte altri obiettivi che sono “trarre vantaggio dalla trasferta”, in modo armonioso con tutte le parti del club, e non “solo vincere”. Perché quello sarebbe l’inizio della fine. Oltre al fatto che i fan della politica interna si preoccupano meno di un torneo estivo.

READ  I retroscena: Tonali, tutta la verità su Inter e Milan. Cellino è a Londra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *