Rabea non vuole più tacere: “Dopo la morte di mio figlio è cambiato tutto”

Rabea non vuole più tacere: “Dopo la morte di mio figlio è cambiato tutto”

“La mia infanzia non è stata molto facile. Sono cresciuto in una famiglia marocchina con sei figli. I miei genitori erano molto autoritari: la loro volontà era legge. Non dovevo far sentire la mia voce. Ho pensato, sentito, voluto o sognato più tardi quella notte , non importava, se parlavo mi veniva detto di stare zitto e comunque non sapevo di cosa stavo parlando.

Tutto quello che dicevano i miei genitori era vero, ma quello che pensavo di qualcosa era sbagliato. Non mi è stato permesso di mostrare le mie emozioni. I miei genitori non erano stelle della comunicazione, perché loro stessi non avevano imparato il contrario in gioventù. Invece di chiedere cosa c’era che non andava in me, sono stato schiaffeggiato. Quando ho pianto, una mano è stata letteralmente tenuta sulla mia bocca. Ho imparato in fretta a stare zitto”.

“Stavo diventando sempre più silenzioso, perché chi aspettava la mia opinione? Se a scuola trovavo qualcosa di strano o stupido, non osavo dirlo perché avevo paura che venisse rimosso di nuovo. Spesso incalzavo quando qualcuno mi chiedeva qualcosa. Da ragazza ero in una bolla, ho giocato molto in soffitta, lì ho creato il mio mondo sicuro dove potevo essere me stessa.

Lentamente ho sviluppato la paura di parlare in pubblico. Ricordo che una volta mi sporgevo dalla finestra e volevo dire qualcosa a qualcuno in piedi fuori. Non ha funzionato e ho iniziato a balbettare. Mia madre lo vide ed esclamò: “Sei diventato improvvisamente sordo e muto?” Ho pensato che fosse così brutto che dopo ho osato dire ancora meno”.

Fidanzati dominanti

“A volte gli amici mi dicevano che non potevano sballarsi con me. Ed era vero, anche da adulta non lasciavo entrare nessuno. Ero molto dura con me stessa e non condividevo i miei sentimenti con gli altri, dopotutto avevo imparato che era stupido “E quello che sai, guardalo. Spesso avevo fidanzati dominanti che o non mi ascoltavano o ridevano della mia opinione. Ho attratto quell’energia, e così sono rimasto nello stesso cerchio”.

READ  John Williams e la squadra di lavoro vengono licenziati: "Tutti fuori!" | mostrare

“Undici anni fa ero incinta del mio primo figlio. Poco prima della data del parto, stavo piegando i calzini quando ho sentito una voce potente dentro di me dire molto chiaramente: ‘Il bambino che porti in grembo tornerà in paradiso”. ho soppresso quella sensazione viscerale, come ho sempre fatto.Una settimana dopo sono andata dall’ostetrica e lei non riusciva più a trovare il cuore.Mio figlio Benyamin, nato a termine, era morto nel mio grembo.

Terrorizzato durante la seconda gravidanza

“Avevo il cuore spezzato e non osavo dire a nessuno della mia precedente premonizione. Dopotutto, chi mi avrebbe ascoltato? Ho provato a riprendere il filo e ho vissuto con il pilota automatico. Sono rimasta incinta del mio secondo figlio. La gravidanza è stata molto dura per me perché avevo anche paura di perderlo.

È stato un periodo solitario, perché non ho confidato a nessuno la mia paura. Non osavo dire quello che sentivo ed evitavo le persone. Per fortuna mio figlio Daniel è nato sano. Mio marito ed io abbiamo divorziato poco dopo. Ci eravamo separati, anche perché non potevamo condividere il dolore di Benyamin. Nemmeno io potevo parlarne con lui, perché ero così costretto a tenere la bocca chiusa”.

“C’è stato un periodo impegnativo in cui da mamma single ho cercato di tenere le palle alte e ho anche iniziato un nuovo lavoro, stavano andando male o venivano gestite in modo inefficiente.

Ho tenuto la mia opinione per me, ma spesso ho visto che avevo ragione col senno di poi. Vedi, quello che sto pensando non è assurdo, ho capito allora. Cautamente, ho iniziato a parlare, ma subito dopo sono stato licenziato”.

READ  GF Vip, caso Alda D'Eusanio: interviene Roberta Bruzzone

Groppo in gola

“Sei anni fa ho toccato il minimo storico. I miei capelli cadevano, a volte svenivo e mangiavo a malapena. Un’indagine ha mostrato che la mia ghiandola tiroidea aveva quasi smesso di funzionare. Ho iniziato a ricercare la causa e ho letto che i problemi alla tiroide erano spesso letteralmente per un nodo alla gola, lo trovavo molto simbolico.

Avevo soppresso tutti i miei sentimenti, desideri e pensieri per tutta la vita. È stata una grande rivelazione per me. Era giunto il momento per me di alzarmi e finalmente parlare”.

“Un tale cambiamento non avviene dall’oggi al domani. Il primo passo è stato riconoscere i miei sentimenti, perché anche per me stesso non osavo più ammetterli. Dovevo andare nel profondo e sentirmi come una cipolla strato dopo strato È stato doloroso perché io ho sentito cose che avevo paura di sentire, ho scoperto che spesso avevo paura di dire qualcosa, ma era davvero la mia paura?

Poi è arrivata l’idea che in realtà fosse la paura dei miei genitori. Nella cultura marocchina molte cose sono una vergogna, non se ne parla. L’hanno proiettato su di me. Apparentemente, avevo sempre abbracciato le paure degli altri e le avevo fatte mie, ma non ero affatto così. Non sapevo più chi ero, solo quello che gli altri pensavano di me”.

Omaggio al figlio defunto

“Nel tempo ho creato la mia società Rabea Talks, con la quale aiuto le aziende a gestire al meglio il proprio personale e gli imprenditori in difficoltà con se stessi. Il successo viene da dentro. Quando ho iniziato da solo ho ricevuto molti commenti chi sono ho iniziato fare video in cui davo consigli e ricevevo anche qualche critica alcune persone intorno a me pensavano che fosse stupido: era necessario?

READ  Festival di Cannes, Titane di Julia Ducournau vince la Palma d'Oro. Con il "pasticcio" di Spike Lee che lo annuncia all'inizio della cerimonia

Ma poi ho notato per la prima volta che la loro opinione non mi importava. D’ora in poi, ho disegnato il mio piano. Il 19 agosto 2012 ho perso mio figlio. E in omaggio a lui, ho registrato la mia attività presso la Camera di Commercio in quella data. Perché tutto è cambiato dopo la sua morte e io ho vinto le mie paure”.

“È un sollievo non tacere più. Non voglio più essere messa a tacere o dire che la mia opinione non ha importanza. Non voglio essere ciò che gli altri pensano che dovrei essere. J Ho sempre avuto paura di fallimento, ma l’imperfezione porta alla pace e alle belle idee La ricerca della perfezione causa stress perché non puoi mai fare abbastanza bene.

Sono molto vicino a me stesso e questo mi dà una sensazione di libertà. In questi giorni parlo spesso davanti a gruppi numerosi, chi l’avrebbe mai pensato? Vale la pena vedere e ascoltare tutti, questo è il mio messaggio. Vorrei parlare, perché è il mio ossigeno. La mia più grande paura si è rivelata essere la mia passione”.

Non vuoi perderti nemmeno una puntata di questa sezione? Poi clicca sul tag Never Again in basso e poi in alto a sinistra su ‘Segui’.

Mai più?

Vuoi anche tu raccontare la tua storia e raccontare cosa vuoi vivere, fare o non fare “mai più”? Siamo curiosi di conoscere la tua storia. Scrivici a [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *