“Ramsey Nasr nel ruolo del membro del PvdA Ad Melkert è una vera sensazione”

“Ramsey Nasr nel ruolo del membro del PvdA Ad Melkert è una vera sensazione”

L'attore Jeroen Spitzenberger nel ruolo di Pim Fortuyn in L'anno di Fortuyn.  Immagine Marchio di Blok

L’attore Jeroen Spitzenberger nel ruolo di Pim Fortuyn in L’anno di Fortuyn.Immagine Marchio di Blok

Iniziamo con una serie drammatica di origine olandese: L’anno di Fortuyn

«Sì, una serie in cinque puntate sull’ascesa in politica di Pim Fortuyn. Questo periodo, terminato con l’attentato alla sua vita, fu relativamente breve e durò meno di un anno. L’anno di Fortuyn ricostruisce questa epoca e riguarda più della persona Fortuyn. Ha scosso la politica e la società olandese all’Aia. Questo venerdì, il primo episodio può essere visto su NPO, tutti e cinque gli episodi appariranno contemporaneamente su NPO Plus.

“Ho potuto vedere in anticipo il primo e il terzo episodio. Nel primo episodio, le immagini vere dell’omicidio di Fortuyn nell’Hilversum Media Park, che sono ancora ben ricordate, danno il tono: si tratta di una questione politica e sociale tragedia.

«Nella terza puntata, il famoso dibattito tra il leader del PvdA Ad Melkert e il nuovo arrivato Fortuyn la sera dei risultati delle elezioni comunali è l’apoteosi. Lì, Fortuyn ha trionfato. Il modo in cui si è avvicinato alla vecchia guardia è stato un punto di svolta leggendario nella politica olandese. Questa serie risponde bene ai momenti “segreti” nelle stanze sul retro a cui gli spettatori non stavano assistendo in quel momento; dopotutto, è qui che inizia la libertà dei creatori, possono dare ai personaggi molta più sostanza.

‘Inoltre, un cast impressionante L’anno di Fortuyn† Jeroen Spitzenberger posa un ottimo Fortuyn, ma fa scalpore soprattutto il ruolo di Ramsey Nasr, che sostiene in pieno il ruolo di Melkert. Lo spettatore ricorda Melkert come scontroso e sconvolto, che sembrava un contabile accanto al carismatico Fortuyn. Il gioco di Nasr ora mi fa guardare Melkert in modo diverso: ho sviluppato più simpatia per lui e la sua posizione. Sì, penso davvero che questa sia una delle serie drammatiche olandesi più interessanti degli ultimi tempi.

Che serie consigliate questa settimana?

‘La vera serie poliziesca Cattivo vegano: telaio. frode. fuggitivi† Dopo titoli come Il truffatore di Tinder e Il burattinaio Siamo di nuovo alle prese con una serie sui truffatori prodotta da Netflix, che si è appropriata del genere.

‘Nel Bagno Vegano seguiamo Sarma Melngailis, la proprietaria di un ristorante di New York chiamato Pure Food and Wine dove tutto il cibo veniva servito crudo. È diventata il volto della scena vegana di New York: ha abbellito molte copertine e le star di Hollywood sono venute alla sua cena – l’attore Alec Baldwin si stava godendo i succhi nella sua cucina.

“Ma poi le cose prendono una brutta piega: Sarma è indebitata e rimane affascinata da un uomo che finge costantemente di essere diverso e cerca i soldi di sua madre. In un episodio successivo della serie in quattro parti, si scopre essere un triste dipendente dal gioco d’azzardo. Allo stesso tempo, la serie mette in evidenza l’ossessione della stampa scandalistica di New York: il proprietario se n’è andato, il personale non è stato ancora pagato e le celebrità che hanno investito in azienda possono rubare i loro soldi. rimasta con la domanda: di chi è davvero la colpa, il proprietario era solo una vittima o anche un complice? Dopotutto, potrebbe anche aver pensato: se mi occupo di questo ragazzo, potrei riuscire a liberarmi dei miei debiti.

‘Mentre capisco il fascino di una serie del genere, che si basa principalmente sul giubilo, penso anche: di cosa si tratta davvero? Dopotutto, c’è molto più inganno nel mondo. Si ha la sensazione che a noi spettatori di Netflix assetati di sangue venga lanciato un pezzo di carne; guarda cosa può succedere anche a persone belle e di successo! Da qui il nome, Bad Vegan: anche le persone che apparentemente si prendono cura di se stesse e del pianeta possono trovarsi in una tempesta di merda.

READ  L'elettricista Erik può permettersi questa seconda casa in Francia dopo Miljoenenjacht | interno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *