“I Paesi Bassi non sono più un Paese religioso”, cosa significa questo per la nostra (in)comprensione reciproca?

“I Paesi Bassi non sono più un Paese religioso”, cosa significa questo per la nostra (in)comprensione reciproca?

Un esempio di questo malinteso: la discussione sul mantenere aperti i luoghi di culto durante le chiusure, dice Huijnk. “Hai visto un malinteso da parte dei laici sulla necessità che i credenti ‘semplicemente’ vadano in chiesa o in moschea durante il blocco. Le persone che non sono religiose non capiscono bene cosa significhi. Significa per le persone che sono religiose”.

E un altro esempio è l’uso del velo nelle funzioni pubbliche. “È difficile per alcuni non credenti immaginare cosa significhi indossare o togliere il velo per alcune donne musulmane”.

Ci sono infatti nuove forme di “intolleranza religiosa” nei Paesi Bassi, afferma Pooyan Tamimi Arab, specialista in religioni. “Ma non dovremmo nemmeno esagerare la comprensione reciproca del passato”, sottolinea. “Per la regina Guglielmina si trattava di sapere se i cattolici fossero fedeli ai Paesi Bassi. Non è vero che gli olandesi decenni fa erano molto più tolleranti di quanto non lo siano oggi”.

Secondo Huijnk, il governo ha il compito di ridurre attriti e tensioni reciproche, ad esempio attraverso l’istruzione. “Naturalmente, l’obiettivo è comprendere la diversità sessuale e di genere, ma ci si potrebbe anche concentrare maggiormente sulle differenze religiose tra le persone”. Comprendere la religione è davvero importante per combattere gli attriti, concorda Tamimi Arab. “Ciò significa: non giudicare subito, ma sforzati di capire gli altri”.

Alla ricerca del significato

Un’altra conseguenza della secolarizzazione è che sempre più persone cercano loro stesse un significato. “Chi vuole trovare un senso nella vita può fare meno affidamento sulle vecchie istituzioni religiose”, dice Tamimi Arab. E questo pone problemi, dice.

READ  Auto Rc gratuita: cosa potrebbe cambiare ora

“Ad esempio: quando qualcuno muore, cosa dovresti fare se non credi in niente? Come lo organizzi? Ci lavoriamo costantemente, trovandolo in modi nuovi”. Secondo l’SCP, problemi mentali, come il burnout, si nascondono.

“Vedo che i giovani cercano un posto dove possono tornare a casa”, dice Van Krimpen. “Dove non devono esibirsi o essere il sé perfetto quando a volte lo fanno sui social media. In un posto e nella fede in un Dio che dice: ‘Sei bravo come sei’. E questo è un messaggio ribelle questi giorni».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *