Renzi e la conferenza in Arabia. Il governo blocca le esportazioni di armi verso Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita

Ore dopo il ritorno di Matteo Renzi dall’Arabia Saudita dove era stato per tenere una conferenza a pagamento, e in cui aveva definito il Paese come la “culla” di un possibile “nuovo Rinascimento”, il governo italiano e, in questo caso, il Ministero degli Affari Esteri decisero di bloccare la fornitura di armi italiane all’Arabia Saudita. In effetti, le armi acquistate sono state utilizzate nel sanguinoso conflitto in Yemen. Si tratta di un atto di “rilevanza storica”, secondo i pacifisti della Rete italiana per la pace e il disarmo. Ma che inevitabilmente ha nuove ripercussioni politiche in una fase così delicata della politica e dei rapporti italiani tra Renzi ei partiti della sua ex maggioranza di centrosinistra.

Dalla delibera di dicembre all’atto firmato ieri

Firmato ieri l’atto amministrativo del ministero guidato da Luigi Di Maio, nello specifico la revoca dei permessi pendenti per l’esportazione di missili e bombe aeree in Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. E nasce dal lavoro parlamentare coordinato nei mesi scorsi da Pd e 5 Stelle, sfociato in una delibera presentata lo scorso dicembre con la prima firma dei deputati. Yana Chiara Ehm (M5S) e Lia Quartapelle (Pd). “Siamo molto soddisfatti – spiega Quartapelle – la rete contro gli armamenti e le associazioni cattoliche da tempo fanno luce sulla violazione dei diritti umani in Yemen. E questo è un bene perché la posizione del governo è in congiunzione con la stessa decisione del nuovo americano. di Joe Biden. Questa visione comune ci aiuta a migliorare un nuovo dialogo con gli USA per gestire le relazioni nel Mediterraneo in modo più equilibrato e pacifico “.

READ  In Perù c'è il terzo presidente in una settimana

Di Stefano (M5S): “Basta con la vergogna che Renzi ci ha lasciato”

Soddisfazione anche dai 5 stelle: “Questa è una bella notizia, è un passo importante verso la pace in un Paese tormentato dalla guerra e con 24 milioni di persone sotto la soglia di povertà. Renzi e questa decisione, però, era già in atto un provvedimento sospensivo. che era in scadenza, la revoca è un ulteriore passo in avanti e vuole essere un segnale anche per gli altri Paesi “, sottolinea Ehm. Tra le licenze annullate, ce n’è una concessa nel 2016 dal governo Renzi. Infatti, il Sottosegretario Manlio Di Stefano ci mette l’onere del novanta: “Bloccato un peccato che Matteo Renzi ci ha lasciato durante il suo mandato di Presidente del Consiglio” e sulla temporalità del provvedimento aggiunge che “ci fa riflettere sull’enorme problema sempre irrisolto conflitto di interessi dei nostri politici per il ritorno del senatore de Rignano da una conferenza strapagata a Riyadh “.

L’intervento dell’Arabia e degli Emirati nello Yemen

Secondo le elaborazioni di Rete Pace e Disarmmo e Opal, questa revoca annulla la fornitura di oltre 12.700 bombe. Nel 2015, una coalizione militare guidata dagli Emirati Arabi Uniti e saudita è intervenuta nella guerra civile yemenita per fermare la ribellione Houthi contro il governo di Sana’a. Un rapporto del gruppo di esperti delle Nazioni Unite presentato al Consiglio di sicurezza nel gennaio 2017 ha dichiarato che gli attentati della coalizione guidata dai sauditi “possono costituire crimini di guerra”. Tra le bombe trovate dai ricercatori delle Nazioni Unite figurano anche le bombe prodotte da Rwm Italia.

READ  Maltempo: mancanza di corrente in Cile, 172.000 abitazioni senza elettricità - Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *