Ex membro uccide sei Testimoni di Geova e un feto ad Amburgo: “Polizia informata della malattia mentale dell’assassino” |  All’estero

Ex membro uccide sei Testimoni di Geova e un feto ad Amburgo: “Polizia informata della malattia mentale dell’assassino” | All’estero

Cosa possedeva Philipp F., 35 anni, di Amburgo? Questa è la grande domanda dopo il massacro di sette persone che ha provocato nella città della Germania settentrionale giovedì notte in una cosiddetta Sala del Regno dei Testimoni di Geova. L’unico tedesco, che in seguito si è suicidato, aveva un porto d’armi dalla fine dello scorso anno, hanno detto funzionari della polizia e della giustizia in una conferenza stampa venerdì.

Il tiratore dilettante ha richiesto il permesso all’inizio di dicembre e ha ottenuto il documento una settimana dopo, dopo che l’autorità per le armi da fuoco della polizia di Amburgo ha verificato se soddisfaceva le condizioni. A gennaio, in seguito al test sulle armi di Philipp F., la stessa autorità ha ricevuto una lettera anonima in cui si affermava che la polizia avrebbe dovuto controllare la sua condotta. Infatti, secondo il mittente, il trentenne dava l’impressione di essere malato di mente, ma non desiderava essere curato. “Odia i gruppi religiosi, in particolare i testimoni di Geova”, si legge nella lettera.

Si può parlare di pensieri suicidi in forma anonima: chattare tramite 113.nlchiama il 113 o chiama lo 0800-0113 gratuitamente.

Secondo la polizia, non è stato possibile contattare l’informatore. “È rimasto anonimo fino ad oggi”, ha detto venerdì il capo della polizia Ralf Martin Meyer. Come misura di sicurezza, secondo lui, “colleghi esperti” hanno visitato F. senza preavviso il 7 febbraio nel suo appartamento nel quartiere Altona. “È stato collaborativo e ha fornito informazioni. La sua arma da fuoco e le munizioni erano in una cassaforte conforme alle condizioni. Un singolo proiettile è stato posizionato su di esso. Si è scusato per questo e l’ha messo subito in cassaforte. Non c’era alcuna indicazione di malattia mentale. Ciò ha esaurito le nostre opzioni legali per ulteriori azioni, come scrivere un rapporto psichiatrico o revocare la licenza di armi da fuoco”.

READ  "Si Renzi ...", cala il freddo con Lucia Annunziata - Libero Quotidiano


Citazione

Non c’era alcuna indicazione di malattia mentale

Ralf Martin Meyer, capo della polizia

Lasciato volontariamente, ma non in buoni rapporti

Non è ancora chiaro come le cose possano essere andate così male poche settimane dopo. La polizia e la giustizia presumono che il tiratore di 35 anni abbia agito da solo. Al momento non vi è alcuna indicazione di un movente terroristico o politico. F., che è registrato ad Amburgo dal 2014 e, secondo il suo profilo LinkedIn, lavora come consulente aziendale freelance da settembre, non aveva precedenti penali. Era conosciuto solo da diverse denunce di frode all’ufficio del pubblico ministero della città anseatica. Ha accusato tre società di barare, due delle quali specializzate in operazioni petrolifere. Il terzo è un grande broker, riportano i media tedeschi sulla base di una spiegazione sul suo sito web.

Philipp F. è cresciuto in Baviera, si è formato come impiegato di banca e ha lavorato come consulente aziendale ad Amburgo.
Philipp F. è cresciuto in Baviera, si è formato come impiegato di banca e ha lavorato come consulente aziendale ad Amburgo. © Videostill YouTube / Bild

Fino a diciotto mesi fa, F. era un membro dei Testimoni di Geova ad Amburgo, secondo il Dipartimento per la sicurezza dello Stato del Dipartimento statale per le indagini penali. “Ha lasciato la comunità di fede volontariamente, ma non se ne è andato in buoni rapporti”, ha spiegato il vice capo Thomas Radzuweit durante la conferenza stampa. Un membro dei Testimoni di Geova nella stanza ha detto che il trentenne “si è ritirato per qualche motivo e ha lasciato la comunità”.

La polizia afferma di non aver avuto alcuna indicazione dalla comunità religiosa di sentirsi minacciata da F. È arrivato alla Sala del Regno dei Testimoni di Geova nel quartiere di Alsterdorf verso le nove di giovedì sera. Si dirige verso il retro dell’edificio, dove una Testimone di Geova sta per uscire dal parcheggio. Il 30enne spara dieci volte contro l’auto, ma il conducente è solo lievemente ferito.

READ  Una donna manifesta sul tappeto di Cannes contro la violenza sessuale in Ucraina ADESSO

Il testo continua sotto la foto.

La squadra speciale della polizia nell'atrio dell'edificio.
La squadra speciale della polizia nell’atrio dell’edificio. © Videostill YouTube / Bild

zampa

Dopotutto, tutto va molto velocemente. F. va ad una finestra, gli spara più volte e poi entra nell’edificio. Quasi immediatamente iniziò a sparare all’impazzata, provocando un grande panico tra le dozzine di testimoni di Geova che avevano appena partecipato a una funzione religiosa e ne stavano parlando. Mentre si sentono grida di paura e le prime vittime crollano, altre cercano rifugio e chiamano il numero di emergenza. Alle 21:04, la polizia e i vigili del fuoco hanno ricevuto la prima di un totale di 47 chiamate di emergenza, con alcuni chiamanti impossibilitati a parlare e si sentivano solo colpi di arma da fuoco.

Quattro minuti dopo arriva una squadra speciale di polizia che si trova nelle vicinanze. I membri di questa “pattuglia di supporto per situazioni operative difficili” (USE) accedono all’edificio tirando la finestra della porta d’ingresso e poi aprendo la porta dall’interno con la maniglia. Nell’atrio vedono le prime vittime e sentono “il continuo uso di armi da fuoco”. Pochi secondi dopo, vedono un uomo con una pistola che fugge giù per una scala che conduce al primo piano. Poi risuonò uno sparo. Poi si calma. L’aggressore si è suicidato, lo scoprono poco dopo.

Il vetro rotto della porta d'ingresso, che ha permesso ai carabinieri di aprire la maniglia dall'interno.
Il vetro rotto della porta d’ingresso, che ha permesso ai carabinieri di aprire la maniglia dall’interno. © REUTERS

morti e feriti

Mentre la polizia porta in salvo venti sopravvissuti, gli operatori umanitari si prendono cura delle vittime. Sette di loro sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco. Riguarda tre uomini e quattro donne di età compresa tra i 33 e i 60 anni. Otto testimoni di Geova – sei uomini e due donne – sono rimasti feriti. Uno di loro è una donna incinta. Sua figlia non ancora nata di 28 settimane è morta dopo essere stata colpita all’addome. Quattro feriti sono in pericolo di vita.

READ  Gli Stati Uniti ritengono che il missile che ha colpito la Polonia sia stato lanciato dall'Ucraina come antiaereo | Guerra in Ucraina

Sembra che Philipp F. abbia sparato nove caricatori con quindici proiettili ciascuno. Gli investigatori forensi trovano altre venti riviste nel suo zaino. Secondo il capo della polizia che ha guidato il raid, la rapida risposta del team USE ha probabilmente evitato ulteriori vittime.

Il testo continua sotto la foto.

Un membro della task force della polizia al primo piano dell'edificio.
Un membro della task force della polizia al primo piano dell’edificio. © REUTERS

Libro

In un libro che Philipp F. ha autopubblicato alla fine del 2022, scrive di essere cresciuto in una “famiglia rigorosamente evangelica” e che un “incidente” gli ha fatto sentire il bisogno di spiritualità. “L’autore ha fatto un viaggio personale attraverso l’inferno che è durato più di tre anni”, RedaktionsNetzwerk Deutschland cita la prefazione. Descrive il libro come una “combinazione sconcertante di spiegazioni bibliche e linguaggio manageriale”. “Nessuna comunità religiosa è adatta alla comunione umana con Dio”, scrive. La ricerca deve mostrare se questo è stato il motivo della rottura con i Testimoni di Geova.

Imprenditori funebri che raccolgono i morti.
Imprenditori funebri che raccolgono i morti. ©AFP

Il ministro dell'Interno tedesco Nancy Faeser con il suo collega di stato Andy Grote a sinistra, poco prima di deporre ghirlande per le vittime del massacro nell'edificio dei Testimoni di Geova.
Il ministro dell’Interno tedesco Nancy Faeser con il suo collega di stato Andy Grote a sinistra, poco prima di deporre ghirlande per le vittime del massacro nell’edificio dei Testimoni di Geova. ©AFP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *