“Ritrovati resti umani” alla ricerca di un giornalista scomparso

“Ritrovati resti umani” alla ricerca di un giornalista scomparso

La polizia brasiliana ha trovato “apparenti resti umani” nel sito in cui Il giornalista britannico Dom Phillips è stato visto l’ultima volta con il suo compagno di viaggio, il ricercatore brasiliano Bruno Pereira. Esattamente ciò che è stato trovato non è stato rivelato.

Il sangue è stato trovato anche sulla barca di un uomo identificato come l’unico sospetto dalla sua scomparsa, un pescatore locale nella valle di Javeri vicino al confine con Perù e Colombia, ha detto un portavoce della polizia. Il materiale ritrovato è attualmente in corso di esame in un laboratorio forense per scoprire se appartiene a uno degli uomini scomparsi.

Phillips, che scrive per The Guardian e The New York Times, tra gli altri, era in una zona remota per un rapporto per un libro a cui sta lavorando. Il giornalista ha scritto per anni sulla violenza contro le popolazioni indigene in Amazzonia e sul degrado ambientale derivante dall’estrazione illegale, dal disboscamento e dalla pesca. Viaggiò con Pereira, oltre ad essere un esperto, fu anche un protettore dei primi abitanti della foresta pluviale. Secondo la polizia, l’autore è ricercato nel circuito di bracconieri e pescatori attivi illegalmente nella Javeri Valley, una riserva naturale protetta.

Un sospetto torturato dalla polizia, secondo la sua famiglia

Dopo la scomparsa, il governo brasiliano è stato sottoposto a forti pressioni per scoprire cosa fosse successo, comprese le chiamate di ambientalisti brasiliani e celebrità come il leggendario ex calciatore Pelé. Un sospetto è stato finora arrestato in relazione al caso: un pescatore locale noto come “Pelado”, arrestato martedì per possesso illegale di armi. Ora è anche sospettato di essere coinvolto nella scomparsa di Phillips e Pereira.

READ  Coronavirus, Germania: 4 ° giorno consecutivo con oltre mille morti. Amazzonia, paura della variante brasiliana: mancanza di ossigeno

Gli attivisti indigeni che frequentavano Phillips e Pereira hanno affermato di essere stati visti tenuti sotto tiro da Pelado e da un altro pescatore poco prima della scomparsa.

Secondo le persone vicine a Pelado, è innocente ed è attualmente torturato per estorcergli una falsa confessione, hanno detto venerdì all’agenzia di stampa AP. “Lo hanno picchiato, torturato, spinto sott’acqua e spruzzato spray al peperoncino sul viso”, ha detto un fratello del pescatore, che lo ha visitato in prigione la scorsa settimana. La loro madre dice che il sangue nella barca è probabilmente da un maiale, che è stato macellato pochi giorni prima della scomparsa e poi trasportato sulla barca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *