Robin Cavendish, True Story Your Every Breath / “Era malato, ma voleva una vita dignitosa”

Robin cavendish è il protagonista della storia vera da cui è tratto il film “Ogni respiro che respiri”. L’uomo, di soli 28 anni, si è ammalato di poliomielite ed è rimasto paralizzato dal collo ai piedi. Il drammatico evento, però, non gli ha fatto perdere d’animo. Raccontare le sue avventure allo sceneggiatore William Nicholson, che poi si occupò della realizzazione del film, fu – dopo la sua morte – il figlio Jonathan cavendish, produttore britannico, tra gli altri, Il diario di Bridget Jones ed Elisabetta: l’età dell’oro.

“Il mantra di mio padre era la qualità della vita – ricorda – come riporta Comingsoon.it, figlio d’arte. “Quello che voleva per sé e per gli altri era un’esistenza dignitosa. Avrebbe potuto restare in ospedale, ma era una vita che non avrebbe potuto sopportare. Ha preferito vivere una vita piena lontano dalla morte, anche se è durata solo due minuti”. Così Jonathan cavendish è riuscito a convincere William Nicholson realizzare “Ciascuno dei tuoi respiri”, Ma quest’ultimo non voleva sapere che sarebbe stato pagato fino al termine del lavoro. Quando questo è successo, la moglie del defunto Diana cavendish è stata la prima spettatrice e non ha potuto trattenere l’emozione. (Aggiornamento di Chiara Ferrara)

Robin Cavendish, un fondo commemorativo creato per l’anniversario della sua morte

Quella di Robin cavendish non è solo la storia di un malato. L’uomo che ha ispirato il film Your Every Breath è morto l’8 agosto 1994 a Drayton St Leonard, nell’Oxfordshire, in Inghilterra, all’età di 64 anni. Tuttavia, è noto per il suo coraggio. Più di un anno dopo la sua morte, avvenuta il 27 novembre 1995, è stato istituito il Robin Cavendish Memorial Fund. Diana e Jonathan, moglie e figlio di Robin, sono tra i suoi fiduciari. L’obiettivo principale è aiutare gli individui e le organizzazioni, promuovere la salute e salvare la vita delle persone con disabilità. L’associazione è cresciuta molto rapidamente da quando nel 2014 si è fusa con l’associazione che Robin e Diana Cavendish avevano precedentemente fondato: Refresh, all’interno del Cavendish Spencer Trust. Le soddisfazioni per la famiglia di Cavendish non si sono fatte attendere, visto che a novembre 2017 Jonathan e Diana hanno ricevuto il Patient Innovation Lifetime Achievement Award. Il premio viene assegnato per il lavoro nello sviluppo delle innovazioni e nella difesa delle persone con disabilità. Una targa blu dell’Oxfordshire è stata svelata nella sua ex casa a Drayton St Leonard il 16 giugno 2019.

READ  data di uscita, trama e cast

Robin Cavendish, polmonite e paralisi cervicale

Robin cavendish, la sua storia nel film “Ciascuno dei tuoi respiri», Il film del 2017 diretto da Andy Serkis. Il film racconta la storia di Robin Cavendish, un uomo ironico e di grande talento che, all’età di 28 anni, si ammalò di poliomielite e rimase paralizzato dal collo ai piedi. I medici gli hanno dato solo 3 mesi di vita, ma ha deciso di combattere questa malattia diventando un attivista e pioniere dei diritti delle persone con disabilità contribuendo alla progettazione di vari dispositivi in ​​grado di promuovere l’autonomia dei pazienti con paralisi. A soli 28 anni, Robin si ritrova legato a un respiratore che pompa aria nei suoi polmoni.

Per i medici il suo destino è restare in un letto d’ospedale, ma decide di reagire rifiutandosi di vivere così. Grazie all’aiuto della moglie Diana e degli anni, riesce ad uscire dall’ospedale per tornare a vivere. Con l’aiuto del suo amico Teddy Hall, Robin progetta una sedia a rotelle con un respiratore meccanico incorporato che gli permette di non stare a letto. La sua vita cambia e nonostante la grave malattia vive 36 anni contro i primi 3 mesi di vita che i medici avevano programmato.

Come è morto Robin Cavendish a 36 anni?

Robin cavendish è conosciuto come il sopravvissuto alla polio più longevo della Gran Bretagna. Il giornalista Tim Renton dopo averlo incontrato ha scritto: “Conoscere Robin Cavendish significa conoscere la personificazione del coraggio. Molte persone stanno vivendo momenti di grande coraggio, pochi sono chiamati a dimostrarlo giorno dopo giorno, da 36 anni”.

READ  "È stato un periodo difficile. Ho perso mio nonno e il mio amore. Ma ..."

Suo figlio Jonathan Cavendish non ha mai dubitato che la storia della vita di suo padre potesse trasformarsi in un film. Incontra poi lo sceneggiatore William Nicholson: “L’ho invitato a pranzo e gli ho chiesto se potevo raccontargli una storia. Quando ho iniziato a raccontargli della vita di mio padre, stava per mettergli in bocca una forchetta di cibo e quando ho finito la storia circa 15 minuti dopo, stava ancora appendendo l’aria! “. William Nicholson ricorda anche quel giorno: “Jonathan mi disse: ‘Ho una storia da raccontarti. È mio padre.’ E non appena ha finito di raccontare la storia, ho detto: ‘Ci sono dentro. È incredibile”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *