Robin Martens pensa che il poliziotto “picchiato” sia un uomo

Nel settembre 2019, l’ex soap opera è stata screditata. È stata accusata di aver aggredito un agente di polizia. È stata condannata a 45 ore di servizio alla comunità. Robin, che non era mai stata in contatto con la polizia prima dell’incidente, non avrebbe mai potuto immaginare che avrebbe vissuto una cosa del genere. Secondo lei, la corruzione che vediamo nei film o nelle serie esiste anche nei Paesi Bassi.

“Ci sono persone cattive in questo mondo e questo poliziotto è uno di loro. Oserei dire se menti che ti ho picchiato otto volte. Assolutamente no, c’erano molti testimoni, ma sette di loro erano agenti di polizia.

Robin dice che i suoi “occhi si sono aperti” e guarda a malapena le notizie dall’incidente. “Dopo che l’incidente è stato riportato dalla stampa, ho ricevuto tutti i tipi di messaggi privati ​​che dicevano che dovevo morire e che ero una soccorritrice violenta”, dice.

“Ho quasi fatto la scelta sbagliata in quel momento. Non ne avevo più voglia. Mi sono chiuso in casa per un mese perché non osavo uscire. Avevo paura che la gente mi vedesse come ‘quel poliziotto violento ‘”. “. Sono uscito da questa profonda valle con grande difficoltà.”

Potete leggere l’intervista completa a Robin Martens nell’ultima edizione di Mamma favolosa.

READ  schiaffi volano e Stefano piange per la prima volta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.