Rutte denuncia “l’ingenuità collettiva” nei confronti della Russia |  All’estero

Rutte denuncia “l’ingenuità collettiva” nei confronti della Russia | All’estero

Anche Rutte si mise una mano nel petto. Sebbene i Paesi Bassi siano stati avvertiti dell’aggressione russa nel 2014 a causa del dramma MH17, i Paesi Bassi sono ancora troppo dipendenti dal petrolio e dal gas russi.

Tuttavia, c’è una ragione per questa ingenuità. Rutte: “Non commettere errori, a gennaio e febbraio Putin ha discusso con il presidente francese Macron su alcune garanzie di sicurezza per i russi nel continente europeo. Una discussione del tutto legittima senza fare dell’Ucraina uno stato cuscinetto. E improvvisamente Putin invade questo paese senza motivo e provoca il caos. Ciò avrà conseguenze a lungo termine. »

Il boicottaggio totale non è in palio

Un boicottaggio completo del petrolio e del gas russo, come l’hanno messo in atto i canadesi ea cui puntano gli Stati Uniti, non è quindi all’ordine del giorno per il momento. Causerebbero il caos economico, ha detto Rutte. Non solo nei Paesi Bassi e in altri paesi dell’Europa occidentale, ma anche nella stessa Ucraina.

C’è quindi un limite alle sanzioni economiche che possono essere applicate. Ma insieme a Johnson e Trudeau, Rutte ritiene anche che le sanzioni dovrebbero essere ulteriormente inasprite nei prossimi giorni.

Un’opzione è tenere le navi russe lontane da Rotterdam e da altri porti olandesi. “Siamo aperti a questo, ma solo in collaborazione con altri porti. In caso contrario, tale misura non avrà alcun effetto e le navi russe andranno semplicemente in altri porti europei.

Nell’area delle sanzioni per petrolio e gas, Rutte suonava diverso da Johnson e Trudeau. Ma hanno trovato sostegno nelle ultime settimane spingendo per un boicottaggio russo del sistema di pagamento globale Swift in una fase iniziale. La scorsa settimana sembrava impossibile trovare supporto, ha detto Trudeau, ma è rimasto piacevolmente sorpreso, come Johnson, dalla velocità con cui queste sanzioni sono state adottate da altri paesi.

READ  Si chiude l'udienza per l'estradizione di "Lady Huawei" in Canada - Ultima Ora

Terza guerra mondiale

Questa solidarietà internazionale con l’Ucraina e l’indignazione comune per le azioni brutali della Russia dovrebbero essere apprezzate, secondo Rutte. Ma è ancora necessario evitare che la situazione degeneri ulteriormente. Ciò accadrebbe se fosse dichiarata una “no-fly zone” sull’Ucraina. Secondo Rutte, questo porterebbe quasi sicuramente a scontri tra aerei russi e possibilmente americani, che probabilmente causerebbero una terza guerra mondiale.

Secondo Rutte, il piano graduale annunciato da Johnson per rafforzare le sanzioni economiche è in linea con il pensiero dell’UE. “Non porrà fine all’orribile situazione in Ucraina a breve termine, ma colpirà duramente la Russia. Basta guardare le enormi code per le banche russe e il numero crescente di società occidentali che si ritirano dalla Russia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *