Sale la lite della bicicletta a De Rijdende Recht: “Sei un sacco di sale”

Sale la lite della bicicletta a De Rijdende Recht: “Sei un sacco di sale”

Reina ha un parcheggio davanti a casa dove parcheggia la macchina tutti i giorni. Anche il suo vicino Sander ha un parcheggio davanti a casa sua, ma poiché non ha un’auto, il marito di Reina mette il suo furgone da lavoro nel parcheggio. Di conseguenza, Sander deve passare due auto ogni giorno e, secondo Reina, fa i danni necessari. “Voglio solo che gli venga vietato di mettere la sua bici qui perché può usare anche la sua porta.”

Reina sa per certo che è stato Sander a causare il danno: ha piazzato una telecamera nel suo giardino che prende di mira anche il giardino di Sander. Detto questo, lo tiene d’occhio e con Sander va di nuovo storto. Non vuole più essere ripreso dalla sua telecamera e che l’auto di suo marito non sia più parcheggiata nel suo parcheggio. “E se ciò non è possibile, allora voglio che la mia passerella sia libera dai loro veicoli.” Il fatto che Sander non voglia prendersi la briga di mettere la sua bicicletta nel suo giardino è completamente sbagliato per Reina. “Sei pigro ed egoista”, lo rimprovera.

Le emozioni sono forti durante la sessione. Sander dice che in realtà non vede il problema. “Non provo nulla al riguardo. È davvero una questione di vivi e lascia vivere.” Reina non lo accetta. “Ma tu non mi lascerai vivere. Sei solo un sacco di sale vuoto.” Prima che la situazione degeneri ulteriormente, il Giudice Guida prenderà la sua decisione.

Dice che a Sander non è più permesso uscire dal marciapiede in bicicletta. “La bicicletta sul marciapiede è sempre vietata. Devi camminare lungo il marciapiede con la tua bici. Se non funziona, ora dovrai metterci la bici dietro”. Ma Reina non si sta nemmeno esercitando solo davanti alla telecamera: “Non ti è permesso filmare il loro giardino. Questo è il mio verdetto e il caso è chiuso .

READ  La storia d'amore di Wilfred e Francois applaudì bruscamente: "Il mio sentimento lo indicava già" | mostrare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *