Salernitana, Lotito: il discorso di promozione

Prima di cena da Gran Hotel Elite di Cascia, il titolare della Salernitana Claudio Lotito voleva fare un discorso ai suoi giocatori. Un momento di festa per celebrare la promozione, che Da Tacchio ei compagni ascoltavano in silenzio.

speech-lotito-gdm.jpg

Il discorso di Lotito ai giocatori della Salernitana

Hai dimostrato di essere una squadra, un gruppo determinato, unito e umile“, Iniziò Lotito.”Un gruppo che ha provato con tutti i mezzi a portare a casa il risultato. Non è comune: non tutte le squadre sono così e questo è stato il tuo punto di forza“.

lotito-castors-gdm.jpeg

Salernitana, Lotito: “Ho parlato con Galliani”

Poi, volendo mettere una pietra sulla polemica dei giorni scorsi, Lotito ha parlato anche di Galliani. “Ho chiamato poco tempo fa Galliani“Lui continuò,”mi ha fatto i complimenti. Ma poi gli ho detto qualcosa. Che capisco i prezzi e tutto, ma alla fine non è tutto ciò che conta. Ciò che conta è far parte di un gruppo, di una famiglia: tutti giocano un ruolo e tutti si sentono responsabilizzati. Anche nei momenti di difficoltà, hai dimostrato di avere carattere e responsabilità. Abbiamo iniziato dicendoti che eri una squadra forte e che avresti dovuto crederci: ce l’hai fatta!“.

salernitana-gdm-1.jpeg

Al discorso di Lotito, i giocatori della Salernitana cantano: “Prezzo!”

I numeri non contano, i fatti contano“Litito ha concluso.”La determinazione nel raggiungimento degli obiettivi, la voglia di riuscire. Sono pratico: i pettegolezzi non contano. Il discorso fa schifo, come quando si inventa una squadra fatta di grandi nomi … Quello che conta è la voglia di morire alle caviglie, di non far respirare l’avversario, di non farlo pensare: soprattutto nelle ultime partite si ha aveva il fisico, il cuore e la mente. Hai creduto in un progetto. Bravi ragazzi!“, gli ultimi applausi. E il ritornello”Prezzo! Prezzo!“Finale per concludere il discorso, prima di cena. E la festa.

READ  La Super League salverà il calcio. Ci saranno anche Napoli e Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *