Sanguinosa lotta per il potere in Sudan: l’esercito sembra avere il sopravvento, la pausa umanitaria non viene rispettata |  All’estero

Sanguinosa lotta per il potere in Sudan: l’esercito sembra avere il sopravvento, la pausa umanitaria non viene rispettata | All’estero

L’esercito sudanese sembrava aver preso il sopravvento domenica in una sanguinosa lotta per il potere con le forze rivali di supporto rapido (RSF). Il gruppo paramilitare e l’esercito si accusano a vicenda di aver iniziato le ostilità. Hanno ucciso almeno 59 civili in due giorni, compresi tre dipendenti delle Nazioni Unite, e ne hanno feriti più di seicento.

L’esercito domenica ha bombardato le basi delle Rsf guidate dal generale Mohamed Hamdane Daglo, detto Hemedti. Lui e il capo dell’esercito, il generale Abdel Fattah al-Burhan, hanno quindi accettato una “pausa umanitaria” di tre ore offerta dalle Nazioni Unite. È entrato in vigore alle 16:00 ora locale e mirava, tra l’altro, all’evacuazione dei feriti. I sindacati dei medici avevano precedentemente affermato che era difficile per i medici e i feriti viaggiare da e verso gli ospedali e hanno invitato le parti in conflitto a garantire un passaggio sicuro.


Citazione

Il cessate il fuoco temporaneo e l’apertura di rotte sicure non sono stati raggiunti

Ghazi Elrayah, attivista umanitario

Mentre gli spari nel centro di Khartoum sembravano inizialmente calmarsi, i pesanti bombardamenti sono presto ripresi, ha detto un testimone all’agenzia di stampa Reuters. Al calare della notte, i residenti hanno riferito di colpi di artiglieria pesante e del rombo di aerei da guerra sul Nilo nel distretto di Kafouri di Bahri, dove ha una base l’RSF.

“Il cessate il fuoco temporaneo e l’apertura di strade sicure annunciati da UNITAMS (missione Onu, ndr) non sono stati applicati e né il Comitato internazionale della Croce rossa né la Mezzaluna rossa sudanese sono stati evacuati”, ha detto l’attivista umanitario Ghazi Elrayah. Prepara l’evacuazione delle persone intrappolate negli ospedali e in altri edifici a causa dei combattimenti.

READ  La Marina celebra gli attacchi e le battaglie del regime fascista | Lampeggiante

“L’ora della vittoria è vicina”

Testimoni e residenti del centro affermano che domenica l’esercito ha effettuato attacchi aerei su caserme e basi delle RSF, inclusa la città gemella di Omdurman, ed è riuscito a distruggere la maggior parte delle strutture paramilitari del gruppo. Le forze hanno anche affermato di aver preso il controllo di gran parte del palazzo presidenziale, dopo che entrambe le parti ne avevano rivendicato il controllo, insieme ad altre strutture chiave a Khartoum. I membri di RSF erano ancora trincerati all’aeroporto internazionale di Khartoum sotto assedio militare. Non ha attaccato gli edifici per evitare gravi danni, hanno detto testimoni.

“L’ora della vittoria è vicina”, hanno detto i militari in una dichiarazione domenica. “Preghiamo per la misericordia delle vite innocenti distrutte da questa spericolata avventura dei ribelli RSF. Presto avremo buone notizie per il nostro popolo paziente e orgoglioso, a Dio piacendo.

Il testo continua sotto la foto.

Il fumo sale sopra gli edifici nel centro di Khartoum.
Il fumo sale sopra gli edifici nel centro di Khartoum. ©AFP

Grande problema

Secondo testimoni e residenti, le migliaia di membri di RSF pesantemente armati nei quartieri di Khartoum e di altre città sono un grosso problema perché nessuna autorità può controllarli. “C’è così tanta disinformazione e tutti mentono. Non sappiamo quando o come andrà a finire”, ha detto a Reuters una giovane donna di nome Huda.

Tagreed Abdin, un architetto di Khartoum, ha detto che domenica è saltata la corrente e le persone stavano cercando di risparmiare le batterie del telefono. “Possiamo sentire attacchi aerei, granate e colpi di arma da fuoco”, ha detto.

La società di telecomunicazioni sudanese MTN ha bloccato i servizi Internet su ordine dell’autorità di regolamentazione delle telecomunicazioni del governo, hanno riferito all’agenzia di stampa due funzionari della società. La televisione di Stato ha interrotto le trasmissioni domenica pomeriggio.

READ  La Danimarca vuole rimpatriare i profughi siriani

Un incendio vicino a un ospedale di Khartoum, come si vede in un'immagine satellitare di Planet Labs PBC.
Un incendio vicino a un ospedale di Khartoum, come si vede in un’immagine satellitare di Planet Labs PBC. ©AP

Mediatori

Gli sforzi dei paesi vicini e delle autorità regionali per porre fine alla violenza si sono intensificati domenica. Ciò includeva un’offerta da parte dell’Egitto e del Sud Sudan – indipendenti dal luglio 2011 – per mediare tra le parti in conflitto, ha affermato l’ufficio del presidente egiziano Abdul Fatah al-Sisi.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha dichiarato che il governo di Washington è in trattative con l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti. Entrambi i paesi hanno una grande influenza sugli attori in Sudan, specialmente nell’esercito. Concordano sul fatto che ora è essenziale che le parti coinvolte “cessino immediatamente e incondizionatamente di combattere”, ha affermato Blinken.

Integrazione di RSF nell’esercito

Sabato sono scoppiati scontri tra unità dell’esercito fedeli al generale Abdel Fattah al-Burhan, capo del Consiglio sovrano del Sudan, e paramilitari delle RSF guidati dal generale Mohamed Hamdan Dagalo, vice capo del consiglio. I due hanno unito le forze per estromettere il dittatore e capo dell’esercito Omar al-Bashir con un colpo di stato militare nel 2019, ma da allora sono in disaccordo sull’integrazione delle forze paramilitari nell’esercito. Questo fa parte della transizione verso una democrazia con un governo civile. Il disaccordo sul calendario ha ritardato la firma di un accordo sostenuto a livello internazionale con i partiti politici.

Stati Uniti, Cina, Russia, Egitto, Arabia Saudita, Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, Unione Europea e Unione Africana hanno chiesto una rapida fine delle ostilità che minacciano di esacerbare l’instabilità in una vasta regione già instabile.

READ  la caduta del "principe volante" - Corriere.it

Guarda i nostri video di notizie nella playlist qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *