Sanzioni Ue aggirate: “Il commercio fantasma con la Russia è ancora in pieno svolgimento”

Sanzioni Ue aggirate: “Il commercio fantasma con la Russia è ancora in pieno svolgimento”

Si tratta di merci specifiche esportate dai paesi dell’UE verso le ex repubbliche sovietiche del Kazakistan, del Kirghizistan e dell’Armenia. Ma in seguito si scopre che non sono registrati come prodotti di importazione in questi paesi.

Sebbene queste cifre di importazione ed esportazione non corrispondano mai del tutto, il mancata corrispondenza dei dati così importante da suggerire fortemente che le merci alla fine finiscano in Russia attraverso questi paesi vicini. Questo paese sta quindi aggirando le sanzioni dell’UE con l’aiuto di intermediari e fornitori che falsificano i documenti doganali, temono i funzionari dell’UE.

Questi prodotti europei sono nell’elenco delle sanzioni perché possono essere utilizzati dalla Russia per scopi militari o di raccolta di informazioni. Si pensi a parti di aeromobili, apparecchiature radio, turbine a gas e prodotti contenenti tecnologia avanzata come i chip. E che l’Europa teme possa finire sul campo di battaglia in Ucraina.

Dagli Stati baltici

Buona parte di questo “export fantasma”, che non raggiunge mai la sua destinazione ufficiale, ha lasciato l’Ue dagli Stati baltici (Estonia, Lettonia e Lituania) al confine con Russia e Bielorussia. Si ritiene che molte merci entrino addirittura in Russia direttamente da questi paesi, con il falso pretesto che siano in transito.

FT sospetta che il vero valore delle importazioni fantasma sia ancora più alto, in quanto il quotidiano economico britannico è stato in grado di confrontare solo una parte limitata dei flussi commerciali, in quanto i paesi coinvolti non pubblicano tutti i dati.

Bruxelles non vuole commentare date di negoziazione specifiche. “Ma in generale, si sta lavorando sodo per prevenire l’elusione delle sanzioni”, ha detto a RTL Nieuws un portavoce della Commissione europea. “L’inviato dell’UE per le sanzioni David O’Sullivan sta attualmente visitando i paesi interessati per discutere l’attuazione e l’elusione delle sanzioni”.

READ  I critici della guerra circolare attorno al Cremlino sembrano molto cauti

Intanto è in preparazione anche un undicesimo pacchetto di sanzioni contro la Russia. Questo pacchetto mirerà specificamente a contrastare l’elusione, ha affermato la Commissione. Cela devrait se faire en imposant une interdiction de transit sur davantage de produits, ou en interdisant complètement certaines exportations des pays de l’UE à l’avenir, a déjà laissé entendre mardi la présidente de la Commission, Ursula von der Leyen, lors d ‘una un discorso a Kiev.

Nuovi flussi commerciali

La Russia è stata a lungo temuta per eludere le sanzioni. Mentre il commercio diretto con i russi è crollato, i paesi dell’UE hanno registrato un “impennata insolita” nei flussi commerciali verso altri paesi all’inizio di quest’anno. L’inviato per le sanzioni O’Sullivan si è lamentato di questo e ha poi citato il Kazakistan, il Kirghizistan e l’Armenia.

Al contrario, vi sono forti sospetti che il petrolio russo venga ancora contrabbandato in altri paesi per aggirare le sanzioni occidentali. Dal 5 dicembre ai paesi dell’UE non è più consentito importare greggio dalla Russia e dal 5 febbraio cherosene e gasolio. Ma da allora, un numero sospetto di petroliere russe è stato avvistato nei porti africani, sul Mar Nero e nell’Atlantico meridionale. Si ritiene che siano luoghi popolari in cui il greggio russo viene trasferito da una nave all’altra, oscurando un metodo noto per l’origine di questo petrolio ed eludendo i controlli.

Il divieto di importazione di petrolio russo non funziona ancora, come puoi vedere nel video qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *