“Senza il vaccino, abbiamo mesi difficili davanti”. In Germania 2.600 positivi, in Russia 9.000

L’allarme non si ferma Covid nel mondo. In Russia, l’ultima indagine riporta 8.945 nuovi casi, il numero più alto dal 12 giugno. A questi si aggiungono 169 morti, in totale 20.891. La situazione peggiore si registra nella città di Mosca, dove i positivi sono saliti alle stelle nelle ultime 24 ore: 2.424 in più rispetto a ieri. In Russia, ad oggi, sono stati infettati 1.185.231 coronavirus.
Siamo tutti preoccupati per il fatto che i numeri sono in aumento e siamo tutti consapevoli che ci aspettano mesi difficili ”, ha dichiarato la cancelliera tedesca Angela Merkel dopo il Consiglio europeo straordinario di Bruxelles. Ci saranno “difficoltà” finché “non avremo un vaccino”Merkel ha detto, sottolineando che i leader dell’UE concordano sulla necessità di un “migliore coordinamento”. “La situazione epidemiologica del coronavirus è preoccupante e possiamo evitare il peggior scenario della primavera scorsa solo attraverso la collaborazione”, ha poi dichiarato il presidente della Commissione europea, Ursula von Der Leyen, dopo i lavori del vertice europeo . “Dobbiamo migliorare il coordinamento sulle misure adottate dai singoli paesi” raggiungendo “un accordo sulla proposta che abbiamo presentato” sul codice colore per le aree a rischio.

Covid, studio: meno morti e casi gravi nelle aree con più vaccini antinfluenzali

Covid, Francia: nuove chiusure per evitare il lockwon totale, la protesta è endemica

Covid, Ippolito (Spallanzani): “Rischiamo l’autunno come la primavera scorsa”

Covid, in Israele, il blocco durerà più di un mese. Netanyahu: “Nessun aiuto economico a chi non rispetta le restrizioni”

Anche il trend di nuove infezioni continua ad aumentare Germania, che ha raggiunto oggi il picco più alto mai registrato da aprile: 2.673 nuovi contagi in 24 ore. L’Istituto Robert Koch ha annunciato questa mattina, riferisce Dpa. In aumento anche i casi gravi di pazienti Covid in terapia intensiva rispetto alla settimana precedente. Attualmente, 362 pazienti sono in terapia intensiva, di cui 193 collegati al ventilatore. Tra la fine di marzo e l’inizio di aprile, il picco è stato di 6.000 nuove infezioni in un giorno. In tutti i casi di coronavirus registrati in Germania, sono 294.395 e le morti ad oggi sono 9.508.

READ  Vengono visualizzati gli "argomenti riservati". Il Papa si rinchiude con la "corte"

Nel frattempo Il rabbino Haim Kaniewsky (92) – una delle figure più fidate degli ebrei ortodossi ashkenaziti – è stato infettato. La stampa locale riferisce che nei giorni scorsi, in occasione di una serie di festività ebraiche, i chierici hanno accolto nelle loro case migliaia di fedeli, protetti da uno schermo di plastica.

Anche la situazione è preoccupante Francia, dove l’Assemblea nazionale francese ha approvato l’estensione delle restrizioni fino al 30 marzo 2021. La decisione è molto controversa, poiché include restrizioni su ristoranti e viaggi, ma le infezioni quotidiane nel paese rimangono troppo alte.

I deputati hanno approvato il progetto di proroga in prima lettura con 26 voti a favore, 17 contrari e 3 astensioni. Ora il testo dovrà pervenire al Senato, mentre il ministro della Salute Olivier Véran ha dichiarato: “Per proteggere i francesi, abbiamo bisogno di questo testo. Anche se ciò limita le libertà pubbliche ”. Restano però contrari gli alleati del Modem: “Misura estremamente vigile”, hanno commentato.

Più di 100 siti in Libano saranno messi in quarantena per una settimana da domenica. Nel Paese i positivi sono aumentati in maniera esponenziale da luglio, sono ora 40mila, con 374 morti. Il ministero dell’Interno ha quindi emesso una circolare con la quale da domenica 4 a domenica 12 ottobre verranno chiusi fuori 111 tra piccoli centri e località sparse per il Paese. I cittadini dovranno restare a casa e indossare maschere se saranno costretti ad uscire per caso. Sono banditi eventi sociali, feste e raduni, mentre le attività pubbliche e private dovranno chiudere. Anche cerimonie ed eventi religiosi sono stati annullati.

READ  "Se le donne lo davano più facilmente, meno stupro." Sconvolti anche Cruciani e Parenzo - Libero Quotidiano

.

Ultimo aggiornamento: 14:20


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *