“Si tratta della verità”

“Si tratta della verità”

“Si tratta della verità”

AFP

Notizie ONS

Tredici anni dopo, il processo si apre a Parigi per lo schianto di un aereo dell’Air France nell’Oceano Atlantico il 1 giugno 2009. All’inizio del caso, è rumoroso. Alcuni parenti delle 228 vittime hanno protestato a gran voce quando i vertici della compagnia aerea e del produttore di aeromobili Airbus hanno espresso le loro condoglianze.

Ciò è accaduto dopo che i nomi delle vittime dell’incidente aereo sono stati letti in tribunale. Il volo AF447 da Rio de Janeiro a Parigi è scomparso dai radar durante la notte durante una tempesta. Air France e Airbus affermano di non essere responsabili dell’incidente.

Sensori di velocità congelati

Il più grande relitto dell’Airbus A330 è stato trovato solo dopo due anni, così come le scatole nere. Hanno rivelato come si è comportato la cabina di pilotaggio durante la tempesta. I piloti hanno reagito in modo errato alla temporanea mancanza di dati causata dai sensori di velocità congelati dell’aereo e hanno inavvertitamente spinto l’aereo in caduta libera.

Da allora il produttore di aeromobili Airbus ha incolpato i piloti per l’incidente. Air France ha una lettura diversa, dicendo che gli avvertimenti dell’aereo confondevano i piloti e che la colpa è del produttore dell’aereo. Se una delle società viene condannata da un tribunale per omicidio colposo, rischia una multa fino a 225.000 euro.

AFP

Un genitore con un segno di protesta in aula

Si è parlato molto del processo negli ultimi anni. La causa era stata precedentemente archiviata da un tribunale di grado inferiore. L’anno scorso, un giudice ha stabilito che le due società dovevano ancora affrontare un processo per l’incidente. Nel frattempo si sono succedute cause civili, in cui alcuni parenti hanno ottenuto danni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *