Sindaco di Istanbul incarcerato per 2,5 anni per aver definito i funzionari “pazzi” |  All’estero

Sindaco di Istanbul incarcerato per 2,5 anni per aver definito i funzionari “pazzi” | All’estero

Il sindaco di Istanbul è stato condannato a due anni e sette mesi di reclusione. Ekrem Imamoglu, oppositore politico del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, è stato ritenuto colpevole di aver insultato membri del consiglio elettorale, che ha definito “pazzi”.

Anche il politico 52enne del partito di opposizione CHP non può più essere politicamente attivo, ha affermato il giudice. Imamoglu è un possibile oppositore di Erdogan alle elezioni presidenziali del prossimo anno. Dovrebbe fare appello. In questo caso, può rimanere sindaco per il momento.

I pubblici ministeri avevano chiesto una pena detentiva fino a quattro anni contro Imamoglu lo scorso maggio. Ha ammesso di aver espresso critiche, ma secondo lui si trattava di una discussione politica.

Imamoglu ha vinto le elezioni del sindaco del 2019 nella città più grande della Turchia. È stata una battuta d’arresto per l’AKP di Erdogan, che un tempo era sindaco di Istanbul. Dopo denunce di irregolarità, il consiglio elettorale ha deciso di rifare le elezioni. Imamoglu ha vinto ancora.

Ha poi affermato che è dannoso per l’immagine internazionale della Turchia che le elezioni debbano essere rifatte e che i funzionari responsabili siano degli sciocchi.

READ  Putin vede spazio per i colloqui dopo l'incontro con Scholz sull'Ucraina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *