Torino, Museo dell’Automobile, Caffè Baratti e Salone del Gusto

Torino, Museo dell’Automobile, Caffè Baratti e Salone del Gusto

Torino era da tempo nella nostra lista dei desideri, quindi siamo rimasti piacevolmente sorpresi quando abbiamo scoperto il centro storico. Siamo andati da una periferia all’altra e il traffico automobilistico è intenso. Nonostante le strade siano pulite, le zone residenziali sembrano un po’ tristi. Ma quando il centro storico si avvicina sempre di più, gli edifici diventano più belli. Case eleganti sono disposte lungo ampi viali. Parcheggiamo l’auto in uno dei parcheggi ben segnalati e ci dirigiamo verso il centro.

Torino senza macchina

È un sollievo che il centro storico sia chiuso al traffico. Il rumore del traffico automobilistico è quasi scomparso e la camminata in direzione di Caffè Baratti da dove veniamo elisabetta Dolcevia incontrare, chi è la nostra guida oggi. Nella bellissima atmosfera di questo storico caffè, assaggiamo per la prima volta una delle famose specialità locali. Perché chi visita Torino deve assolutamente assaggiare una tazza di cioccolata calda. Fidati di noi, non troverai di meglio da nessun’altra parte.

Baratti & Milano (Caffè Baratti & Milano), P.za Castello, 27, 10123 Torino TO, barattiemilano.it

Torino-Barratti

Il paesaggio urbano del centro è completamente diverso da quello della periferia. Ampie strade conducono a belle piazze, che a loro volta sono circondate da bei palazzi. La lunga e ricca storia si riflette nelle facciate. Era il potente Savoia famiglia di 17e secolo che ne sono in gran parte responsabili Il ricco patrimonio di Torino.

Palazzo Torino

Torino ha molto da offrire e se, come noi, sei interessato a siti diversi, allora questa città merita sicuramente una visita. Imponenti edifici sono sparsi in tutto il centro. Siamo rimasti colpiti dall’enorme Mole Antonellane. Spesso visto nelle foto dove il tetto domina la città, definendo lo skyline di Torino. Ma quando ti trovi accanto, vedi davvero quanto sia grande e bella l’architettura dell’edificio.

READ  FdI occupa l'aula, seduta sospesa - Corriere.it

Borgo medievale di Torino

Una passeggiata lungo il Po ci riporta alla vita Parco Medievale e il Parco Valentino. Questo parco urbano paesaggistico e verdeggiante è un piacevole cambiamento. L’adiacente “villaggio medievale” è un mondo fantastico composto da un castello e botteghe artigiane. Eppure c’è qualcosa di speciale nel borgo, soprattutto per le persone come noi che amano i bei vecchi borghi italiani. Da diversi punti guardiamo il fiume e ci godiamo il piacevole sole che ci riscalda.

Museo dell'Automobile di Torino1

Questa è la nostra prossima destinazione Museo Nazionale dell’Automobile dove ci deliziamo gli occhi. È una grande mostra di auto d’epoca e classiche. Uno più bello dell’altro. Qui si racconta la storia dell’auto italiana. E come potrebbe essere altrimenti, perché Torino è ovviamente la patria di Decreto e Lancia. Abbiamo solo poco tempo, perché vorremmo passare l’intera giornata qui.

Autobianchi

stato purtroppo Torino non nella lista di tutti per una visita in città, nonostante questa città abbia tanto da offrire. Soprattutto se ami l’arte e la cultura. C’è una vasta gamma di musei e il centro città pedonale è ben strutturato. Non abbiamo ancora visto tutto e sicuramente abbiamo in programma di tornare presto in questa vivace città, dato che oggi siamo qui per il Salone del Gusto.

Terra Madre Salone del Gusto

Terra Madre Salone del Gusto è il più grande evento internazionale dedicato al cibo buono, pulito e giusto, alle politiche alimentari, all’agricoltura sostenibile e all’ambiente. La manifestazione biennale accoglie centinaia di espositori e centinaia di migliaia di visitatori provenienti da tutta Italia e dal mondo. Terra Madre Salone del Gusto è organizzata da Slow Food, un’associazione internazionale senza scopo di lucro con sede a Bra, nella città di Torino e nella regione Piemonte. Il tema di quest’anno è la rigenerazione e come insieme possiamo plasmare il futuro del cibo. Ovviamente eravamo lì, perché non lo lasceremo passare.

READ  Il team Corratec conferma l'arrivo di Alexander Konychev

Parco Dora

A proposito di rigenerazione, Terra Madre Solone del Gusto si svolge al Parco Dora. Si tratta di un parco postindustriale a cielo aperto che un tempo ospitava una vecchia acciaieria e gli stabilimenti torinesi Ferriere, Fiat, Michelin, Savigliano e Paracchi. I pilastri e il tetto sono rimasti intatti. La zona era caratterizzata da una forte industrializzazione grazie alla vicinanza di una linea ferroviaria e di un affluente del Po, la Dora. A questo affluente il parco deve l’attuale denominazione di ‘Parco Dora’. L’architetto Jean-Pierre Buffi e il paesaggista Andreas Kipar sono stati incaricati di trasformare l’area, composta da cinque lotti, in un parco all’aperto post-industriale. In questo parco “rigenerativo” si è tenuto Terra Madre Salone del Gusto dal 22 al 26 settembre 2022. Con i suoi 456.000 metri quadrati, il parco è oggi uno dei più grandi polmoni verdi, dopo il Parco della Pellerina, della città di Torino. Questo è rigenerante!

Come tutto cominciò

Il movimento Slow Food nasce nel 1999. Da sempre pone al centro dei suoi progetti la tutela della biodiversità, con l’obiettivo di tutelare le straordinarie risorse del nostro pianeta. Naturalmente, l’Italia è nota per la sua abbondanza di piatti artigianali prodotti in modo tradizionale. Ad oggi vengono sostenuti progetti per produzioni alimentari tradizionali su piccola scala minacciate di estinzione. Vengono riproposte le antiche tecniche di trasformazione e le razze bovine autoctone, così come le razze ortofrutticole, minacciate di estinzione, sono oggetto di particolare attenzione.

I progetti Slow-food, noti come ‘Presedia’, di cui attualmente sono più di 600 in 79 paesi, più di 350 provengono dall’Italia.

Oltre a tutti i dolci del suolo italiano, potrebbe essere utile sapere che anche i Paesi Bassi erano presenti con i tradizionali pescatori del mare di Wadden e la mostarda di produzione tradizionale. Presenti anche la Francia con le ostriche bretoni, l’Aragona con i capperi di Ballobar e l’Irlanda con i formaggi a latte crudo. È solo un piccolo riassunto.

READ  B&B Full of Love's Debbie: 'Ho trovato l'amore a Salerno' | rivista DONNE

Campagna di agricoltura lenta

Oltre a mostre e degustazioni, ci sono state anche diverse conferenze. Un tema importante su cui il movimento Slow Food lavora da tempo è il rapporto tra uomo, animale e territorio. Agricoltori, pastori, casari, macellai, tecnici, cuochi e cittadini sono coinvolti in vari progetti. La campagna Slow Farming nasce per sostenere chi alleva gli animali con rispetto, si prende cura del suolo e garantisce la biodiversità dei pascoli e del paesaggio.

Il movimento Slow Food insiste non solo sulla tutela dei prodotti artigianali, ma anche sulla riduzione dei consumi e la prevenzione dello spreco alimentare. L’allevamento massiccio di animali per l’industria alimentare e il prosciugamento degli oceani devono cessare. È tempo di prendersi cura della natura e ripristinare ciò che è stato danneggiato.

Oltre alla produzione alimentare più sostenibile e ad altri temi, siamo venuti anche per tutte queste prelibatezze. Con l’acquolina in bocca, abbiamo incrociato food truck che offrivano il miglior cibo di strada che si possa incontrare in Italia. Tutte le regioni erano rappresentate. Inoltre non sono mancate le enoteche e gli chef si sono prodigati per preparare il tutto per degustazioni indimenticabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *