Sinner, il tennista “non umano”. L’Italia ha la sua stella

Il ragazzo prodigio è in semifinale di un Masters 1000. Jannik Sinner non si ferma a Miami, e rifiuta la soddisfazione: “La mia migliore settimana della mia vita? Parliamone alla fine del torneo …”. Non è arroganza o presunzione, Jannik è così. Altrimenti non l’avrebbe fatto sconfiggi Bublik Rock, tennista kazako che non sai scattare perchè non spara un colpo uguale all’altro. E quella cosa, per un regolarista disciplinato come l’Alto Adige, è una specie di bestemmia.

“Hai 15 anni e suoni così …”

Ma l’ha picchiato. Per rincorrerlo, per restare fedele a lui, per restare convinto della possibilità di una possibilità. Questione di spirito, dicono nel tennis. Mai come questa volta. Anche il kazako lo ha riconosciuto: “Ma non sei umano! Hai 15 anni e giochi così …”, dandogli una pacca affettuosa sulla schiena mentre Sinner sorrideva, sorpreso per una volta.

Gli adolescenti stanno andando forte a Miami …

Qualche statistica: è il 3 ° italiano della storia nella semifinale di un Masters 1000 sul digiuno dopo Fognini (Miami 2017) e Berrettini (Shanghai 2019). Va aggiunto che questo è il primo Masters 1000 sulla rapida che ha giocato in carriera. Ancora: Sinner è il 14 ° adolescente a raggiungere i quarti di finale a Miami. 10 su 13 diventano quindi n. 1. Gli unici che non sono (ancora) riusciti sono Auger-Aliassime, Zverev e Shapovalov. Entrando tra i primi quattro del torneo, Sinner è già certo di entrare nella top 25 del mondo (se vincesse il torneo, diventerebbe il numero 14 del mondo). Al momento, nella classifica virtuale, è 24 °. C’è poi l’altra classifica parallela, la Race, quella che porta alle finali ATP che si svolgeranno a Torino: finalmente, per il momento, l’italiano è settimo. I numeri stanno impazzendo, ma non per la persona direttamente coinvolta. “Ho ancora 19 anni, ci sono tante cose che devo ricordare in campo …”. La sua applicazione, la sua disciplina sono manuali. Anche per i giocatori veterani.

READ  Boxe, coronavirus, addio all'argentino Roldan

In semifinale contro Bautista Agut

In semifinale avrà un altro déjà vu, e anche questo sembra un paradosso del destino. Spieghiamo: Sinner ha giocato il torneo a Dubai, dove aveva precedentemente incontrato (e battuto) Bublik agli ottavi. Nella seconda manche ha incrociato lo spagnolo Bautista Agut, avendo la meglio. Ebbene, a Miami si ripropone lo stesso scenario: Jannik ritrova lo spagnolo, che contro ogni aspettativa ha avuto la meglio sul russo Medvedev, attualmente b. 2 del mondo. Ottime notizie, visto che contro il Medevedv il nostro è stato bocciato due volte su due. “Resta il fatto che sono giocatori molto solidi, bisogna giocare al massimo”, si è limitato – nel suo stile – a rispondere. Aggiungo, o rassicurante a seconda dell’interpretazione, “che la pressione c’è, ma che tutti i giocatori la sentono. E, credetemi, a qualsiasi livello”.

È Jannik Sinner: è concentrato sulla pallina da tennis. Sempre e solo. Il resto è un’anteprima, ma sempre in questo quadro. Una cosa è certa: l’Italia non ha mai avuto un tennista con questi atteggiamenti, faremo bene a tenerlo stretto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *