Sospettato dell’attentato al centro curdo di Parigi al reparto psichiatrico

Sospettato dell’attentato al centro curdo di Parigi al reparto psichiatrico

AFP

Notizie ONS

L’uomo sospettato di aver attaccato venerdì un centro culturale curdo a Parigi è stato trasferito in un’unità psichiatrica della polizia. Lo hanno reso noto la procura francese. La custodia cautelare è stata formalmente revocata, ma l’uomo rimane sotto la sorveglianza delle autorità.

Il tiratore di 69 anni è stato trasferito su ordine di un medico. Ha consigliato all’uomo di essere rimosso dalla sua cella di polizia a causa delle sue condizioni mediche. Maggiori dettagli non sono stati divulgati. L’uomo rimarrà nel reparto psichiatrico fino a quando non potrà comparire in tribunale, hanno detto i pubblici ministeri. Proseguono le indagini sull’attentato.

Ieri pomeriggio il tiratore ha aperto il fuoco presso il centro culturale del 10° arrondissement nel centro della capitale francese. Poi è entrato in un parrucchiere, dove è stato arrestato.

Tre curdi sono stati uccisi nell’attacco, altri tre sono rimasti feriti. Una vittima viene curata in terapia intensiva. Anche gli altri due sono stati ricoverati in ospedale con ferite gravi.

Secondo il Consiglio democratico curdo (CDK-F), una delle vittime uccise era la presidente di un movimento di donne curde in Francia. Avrebbe combattuto in Siria contro lo Stato Islamico.

Già riconosciuto colpevole di possesso illegale di armi

Il tiratore è sospettato di omicidio, tentato omicidio colposo e aggressione. La giustizia sta ancora ufficialmente indagando se l’uomo avesse un movente razzista. Una fonte ha detto all’agenzia di stampa AFP che l’uomo ha confessato di essere razzista quando è stato arrestato. Inoltre, l’anno scorso ha anche cercato di attaccare un campo di migranti con una spada. L’uomo era stato recentemente rilasciato in attesa del processo.

READ  L'altro razzismo che ha forgiato l'America. La storia dimenticata dei liberali

Il ministro dell’Interno Darmanin ha detto che l’assassino stava chiaramente prendendo di mira gli stranieri. Altrimenti avrebbe agito da solo e non sarebbe stato associato a un gruppo di estrema destra. Il presidente Macron ha parlato di “attacco mirato” contro la comunità curda a Parigi.

Commemorazione

Nella piazza centrale Place de la République, la comunità curda ha osservato oggi un minuto di silenzio per le vittime. Migliaia di persone si sono radunate lì. Verso la fine, l’incontro era finito sulle irregolaritàundici persone sono state arrestate.

L’attacco ha fatto infuriare molti curdi a Parigi, perché ritengono che la comunità curda in Francia non sia sufficientemente protetta. Quasi dieci anni fa nella capitale francese furono uccisi anche tre militanti curdi.

Gli attivisti affermano anche di essere stati recentemente avvertiti della violenza dalla polizia. “Noi curdi siamo in pericolo”, ha detto un portavoce al canale di notizie francese BFM TV. “La Francia deve proteggerci”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *